La foto nuda di una dodicenne sui social e nei gruppi whatsapp: la denuncia dei genitori

Revenge porn tra giovanissimi: un 12enne diffonde una foto osè della compagna di classe.

revenge porn
Dodicenne manda una foto nuda al compagno di classe: scatta il ricatto Universomamma.it

Unimamme, vi raccontiamo una vicenda di revenge porn maturata in una scuola media. Il revenge porn, come forse saprete, è la diffusione su web o tramite messaggi sul cellulare o in chat, di immagini pornografiche per umiliare o screditare un’altra persona.

Revenge porn alla scuola media: foto nuda di una dodicenne sui social

Lo scorso 17 dicembre, a Monza, una mamma brianzola, è stata convocata dal preside della figlia dodicenne per un fatto molto grave. La mamma ha saputo che la figlia aveva mandato una foto di se stessa nuda a un compagno di classe che, per vendetta ha deciso di diffonderla sui social e su WhatsApp. Gli insegnanti e il preside, una volta saputo cos’era accaduto, hanno convocato le famiglie dei ragazzini. La storia è del 10 dicembre, quando i genitori della vittima hanno saputo cos’era successo alla figlia hanno sporto denuncia.

LEGGI ANCHE > REVENGE PORN è REATO, CARCERE E MULTE PESANTI PER I TRASGRESSORI

Sul revenge porn è stata istituita una nuova legge per cui chi mette in atto la revenge porn può essere accusato di molestia, violazione della privacy, diffamazione e persino istigazione al suicidio.

Dal momento che questo ragazzino, che ha violato la legge, ha solo 12 anni, a rischiare sanzioni sono i genitori. A indagare sono la Questura di Monza, ma anche la Procura per i minorenni di Milano. Quest’ultima sta prendendo in considerazione l’imputabilità del ragazzino.

Unimamme, cosa ne pensate di quanto accaduto e raccontato sul Sussidiario? Voi sapete cosa fanno online i vostri figli? Controllate il loro smartphone?

Per restare sempre aggiornato su richiami, notizie e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

revenge porn
Dodicenne manda una foto nuda al compagno di classe: scatta il ricatto Universomamma.it