“Ci mandate in guerra”: lo sfogo di un giovane medico sui social | FOTO

 “Quello che state facendo è cercare solo di mettere una toppa nella falla creata in anni ed anni di politiche sciagurate“: la lettera sfogo su facebook di un giovane medico.

giovane medico coronavirus
“Ci mandate in guerra”: lo sfogo di un giovane medico sui social | FOTO – Universomamma.it

Un giovane medico pugliese, Giorgio Calabrese, ha scritto una lettera, anche a nome di tanti suoi colleghi, nella quale esprime tutta la sua rabbia per i numerosi problemi che affliggono il sistema sanitario italiano. Nella lettera, che è stata postato su facebook si rivolge prima ai politici: “Siamo formati a metà, come a metà sono formati i circa 10.000 medici abilitati d’ufficio che credete vi possano salvare dai vostri errori, buttandoli in trincea in questa GUERRA, come carne da macello.“.

Poi Giorgio si rivolge anche a tutti noi cittadini ribadendo il concetto, già espresso ultimamente da altri suoi colleghi, che i medici non sono eroi e non si aspettano elogi da nessuno bensì soltanto più rispetto per la loro categoria da parte di tutti, politici e cittadini e di poter lavorare con tutti gli strumenti di cui hanno bisogno, senza doversi arrangiare.

LEGGI ANCHE —> CORONAVIRUS E SINTOMI | IL VADEMECUM PER RICONOSCERLI E SAPERE COSA FARE

La lettere di un giovane medico a politici e cittadini

giovane medico lettera
“Ci mandate in guerra”: lo sfogo di un giovane medico sui social | FOTO – Universomamma.it (Fonte: Facebook)

“Cari politici tutti, senza distinzioni di partito o di colore politico, chi vi scrive è un giovane medico, uno dei tanti che si sente inerme davanti a tutto quello che sta accadendo nel nostro paese! Uno dei tanti che ora vorrebbe poter avere maggiori competenze per poter dare una mano ai colleghi della Lombardia, uno dei tanti che vorrebbe sentirsi più utile!

Noi medici non specialisti facciamo tutti la nostra parte sul territorio, chi come medico di continuità assistenziale, chi come sostituto di medici di medicina generale chi nei pronto soccorsi o nelle case di riposo. Nel nostro lavoro spesso ci troviamo a gestire situazioni non facili, prendendo decisioni che non siamo ancora pronti a prendere. Siamo formati a metà, come a metà sono formati i circa 10.000 medici abilitati d’ufficio che credete vi possano salvare dai vostri errori, buttandoli in trincea in questa GUERRA, come carne da macello.

Negli anni avete commesso numerosi errori e continuate ancora a commetterne, nonostante la realtà sia ora sotto gli occhi di ogni persona. Avete impoverito la sanità come se fosse un qualcosa di superfluo, di non necessario, di secondario, rimandando di anno in anno un problema che avreste già dovuto risolvere, pensando prima e vostri interessi politici ed economici.

E ora cosa fate? Pregate in ginocchio i medici specialisti affinché vadano in Lombardia per evitare una catastrofe già in corso, chiedete ai medici in pensione di andarsi a suicidare per i VOSTRI errori, chiedete ai medici cinesi di accorrere in nostro aiuto.Quello che state facendo è cercare solo di mettere una toppa nella falla creata in anni ed anni di politiche sciagurate, proponete contratti indegni, in libera professione e senza alcuna tutela. Ci state chiedendo in sostanza di sacrificare la nostra vita per quella altrui , perché si, anche noi ci ammaliamo e moriamo come tutti, però per noi non ci sono garanzie. Volete l’aiuto di specialisti che NON ESISTONO, perché vi siete ostinatamente rifiutati di formarli, nonostante siano anni che vi poniamo davanti al problema. Gli anestetisti rianimatori, gli pneumologi, gli igienisti, gli infettivologi, che tanto disperatamente cercate NON CI SONO! E se ci sono si trovano all’estero e non torneranno perché li avete pugnalati alle spalle, svilendoli e privandoli di ogni dignità!

Avete solo saputo tagliare, risparmiare sulla sanità… risparmiare sui posti letto, sugli stipendi di medici infermieri, che ora tutti improvvisamente chiamate eroi, risparmiare sulla salute delle persone! Ci avete messi nelle condizioni di lavorare come bestie nel precariato, senza protezioni, con turni di lavoro massacranti, senza gratificazioni, facendoci sentire pedine sacrificabili e spingendoci ad odiare un paese ed un lavoro che in realtà amiamo e sempre ameremo!

Non siamo eroi ma vogliamo curare le persone con il massimo dei mezzi e delle risorse che si possono avere, non arrangiandoci continuamente, mettendo a rischio noi stessi e soprattutto i nostri pazienti!

Vogliamo che, finita questa tragedia, vi mettiate una mano sulla coscienza e mettiate la sanità al primo posto, dove merita sempre di stare! Vogliamo essere messi nelle condizioni di non dover fuggire all’estero per poter lavorare con dignità.

Vogliamo uno Stato in cui un medico possa avere la possibilità di completare la sua formazione e non venga lasciato mutilato solo per poterlo pagare meno.

Vogliamo uno Stato in cui un ricercatore non guadagni 1000€ al mese con contratti ridicoli.

Vogliamo una sanità equa e funzionale su tutto il territorio nazionale, dove chi si cura al sud posso avere lo stesso trattamento di chi lo fa al Nord!

Vogliamo uno Stato serio, che dimostri di avere a cuore ciò che è davvero importante, ora più che mai!

LEGGI ANCHE —> CORONAVIRUS E SINTOMI | IL VADEMECUM PER RICONOSCERLI E SAPERE COSA FARE

A tutti i cittadini italiani chiedo:  di non chiamarci eroi e di non dedicarci applausi dai balconi! Chiedo solo di ricordarvi di questi giorni difficili perché quello che facciamo in questi giorni è quello che facciamo sempre! Siamo umani come voi e come voi possiamo sbagliare, spesso perché costretti a lavorare in condizioni pessime e con pochi strumenti. Non applauditeci ora, ma rispettate sempre il nostro lavoro. L’efficienza della sanità la dovete pretendere da chi votate e non dagli operatori sanitari che sputate, picchiate e denunciate quando le cose non vanno come vorreste! Se un vostro parente viene lasciato ore o anche giorni al pronto soccorso su una barella prima di essere ricoverato non è colpa del medico o dell’infermiere sappiatelo! Se un medico commette qualche errore è possibile che sia stanco, perché non ci sono colleghi a sufficienza per dargli il cambio e permettergli di riposare!

Quindi lottate insieme a noi, e non contro di noi, quando tutto questo sarà finito, per pretendere una sanità veramente efficiente e funzionale. Per pretendere medici ed infermieri riposati e non frustrati, che possano dedicarsi a voi al 100% delle loro possibilità!

Fateci specializzare… Aiutateci ad aiutarvi!

Dottor Giorgio Calabrese

E voi Unimamme cosa ne pensate di questa lettera così intensa?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

sfogo giovane medico
“Ci mandate in guerra”: lo sfogo di un medico sui social | FOTO | Universomamma.it (Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)