Due sorelline rimaste sole a causa del Covid-19 e l’aiuto dei concittadini | VIDEO
Due sorelline rimaste sole a causa del Covid-19 e l’aiuto dei concittadini | VIDEO

Due sorelline rimaste sole a causa del Covid-19 e l’aiuto dei concittadini | VIDEO

Due sorelline rimaste in casa da sole dopo la morte della nonna e il ricovero della mamma per coronavirus hanno ricevuto l’aiuto di tutto il loro paese e ora sono state affidate a un parente.

Due sorelline rimaste sole a causa del Covid-19 e l’aiuto dei concittadini VIDEO Universomamma.it

Unimamme, quella che vi raccontiamo oggi è una storia di solidarietà ai tempi del coronavirus in cui un paese in provincia di Arezzo, Montevarchi, ha aiutato 2 sorelline in età scolare (alle elementari) rimaste a casa da sole perché la nonna era morta di coronavirus e la mamma era stata ricoverata per lo stesso motivo.

Bambine solo per coronavirus

Le due bambine erano rimaste a casa da sole perché la nonna 80enne era morta nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Arezzo, mentre la mamma, operatrice sanitaria, era ricoverata nello spesso ospedale. Il padre delle piccole non c’è e dunque a fare da tutore alle bimbe, è stato il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini. Le piccole, naturalmente,  non erano completamente abbandonate, perché nel giardino sotto casa vi era un camper, con un volontario a turno, pronto ad accorrere in caso di emergenza. Il giardino era stato sanificato e l’operatore poteva parlare con le piccole dal balcone.

Le bambine mantenevano un contatto con la mamma tramite le videochiamate e durante la notte era attivo un numero con un operatore pronto a rispondere per qualsiasi problema. Le piccole sentivano la mamma su Skype e potevano seguire le lezioni di scuola online. Alcuni parenti e personale della parrocchia tramite dei volontari consegnavano alle piccole pranzo, merenda e cena.  Di recente, in una nota, Ausl Toscana Est, ha fatto sapere in una nota che “la madre sta meglio e conta di tornare a breve al domicilio” e che le bimbe sono state date in affido temporaneo a un parente.

A dare la conferma dell’affido è stato anche il sindaco con un messaggio su Facebook in cui ha sottolineato che ora la famiglia chiede silenzio sulla vicenda. Unimamme, questa vicenda narrata su Il Messaggero, non è la prima vicenda di questo tipo in Italia, in altri luoghi stanno allestendo residenze dove i bambini che non hanno momentaneamente un tutore per via del coronavirus e debbano stare in isolamento possano risiedere e venire seguiti da personale specializzato.

#Tuttoandrabene

#Tuttoandrabene

Pubblicato da Silvia Chiassai Sindaco di Montevarchi su Sabato 28 marzo 2020

 

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

LEGGI ANCHE > “NON DIMENTICATE I BAMBINI IN QUARANTENA” L’APPELLO DI ESPERTI E GENITORI

Due sorelline rimaste sole a causa del Covid-19 e l’aiuto dei concittadini VIDEO Universomamma.it