Come organizzare la cameretta dei bambini in poche mosse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
0
10

Come si può organizzare la cameretta dei bambini in poche mosse? Basta tenere in considerazione alcuni piccoli accorgimenti e il gioco è fatto.

Bambina che mette a posto (fonte unsplash)
Bambina che mette a posto (fonte unsplash)

Mettere a posto la cameretta è un grande problema per tutte le mamme. Non solo perché i bambini quando giocano e usano i loro giocattoli non mettono mai a posto, ma anche perché con il tempo si tende ad accumulare vestiti e giochi che ormai da tempo non vengono usati. Come vi avevamo già detto precedentemente, i vecchi giocattoli, in base ad uno studio, non fanno bene alla salute del bambino.

Spesso questi si tengono perché affezionati o per passarli al figlio più piccolo, ma nel caso in cui non rientraste in queste due categorie, allora, è arrivato il momento di organizzare al meglio la cameretta dei vostri bambini.

Inoltre poi tutti i piccoli hanno bisogno di una grande spazio per muoversi e giocare, soprattutto quando iniziano a crescere. Onde evitare che occupino anche altre parti della casa, è consigliabile fornire nella loro cameretta tutto lo spazio possibile, in modo tale che usino quella per i loro giochi solitari e in compagnia.

La camera deve diventare il loro punto di riferimento, senza che tutto ciò che posseggono si sparga per il resto della casa. Certo, è più facile a dirsi che a farsi, ma ci sono una serie di metodi che si possono attuare per evitare che anche le altre stanze divengano la sala giochi dei bambini.

Come organizzare la camera: alcuni metodi infallibili per avere sempre in ordine la stanza dei vostri bambini

Giocattoli (fonte unsplash)
Giocattoli (fonte unsplash)

Innanzitutto è bene partire dagli armadi. Se vi rendete conto che sono pieni di abiti che non usate più sarebbe meglio fare una cernita e donare, dopo averli lavati accuratamente, quelli che da tempo sono in disuso.

LEGGI ANCHE: Metodo Marie Kondo per l’ordine in casa: ecco come cambia coi figli

Nel caso in cui, però, abbiate necessità di tenere alcuni vestiti per l’altro bambino che sta arrivando, allora il consiglio è quello di organizzare tutto in delle scatole e catalogarle per età. Così ch,e in base agli anni del piccolo, quegli abiti conservati sono facilmente recuperabili.

Un’altra cosa importantissima che si può fare, quando i bambini crescono, è quella di selezionare insieme a loro i giocattoli che non usano più. È necessario che l’attività si svolga in modo simpatico e divertente per evitare che i bimbi si sentano sottratti dei propri giochi.

Anche qui è consigliato donare i giocattoli in disuso, ma solo dopo averli lavati soprattutto i peluche che più facilmente trattengono batteri e acari.

LEGGI ANCHE: Troppi giocattoli? 3 idee “geniali” per riorganizzarli

Inseguito a queste azioni, la cameretta risulterà più vuota e facile da gestire. Ma, come spesso accade, non basta semplicemente dare via abiti e giochi in disuso. Infatti è necessario che i bimbi acquisiscano una certa routine quotidiana del riordino.

Così per fare in modo che siano gli stessi bambini a mettere a posto dopo aver giocato, le prime volte sarebbe bene fargli vedere come si fa ed aiutarli. Magari utilizzando scatole colorate o contenitori trasparenti, i bimbi iniziano a capire dove posizionare le cose e metterle in ordine. Una mamma, infatti, si è adoperata di secchielli colorati per far odinare la camera ai suoi figli.

Se il tutto viene fatto inizialmente in modo divertente e accattivante, i bimbi associeranno a quel momento un sentimento positivo e gioiso e saranno loro stessi a voler mettere a posto tutti i loro giocattoli.

Insomma questi sono solo alcuni metodi semplici e veloci per ordinare la cameretta dei bimbi, ma si può agire anche in altri modi.

Ordinare la camera (fonte unsplash)
Ordinare la camera (fonte unsplash)

LEGGI ANCHE: Troppi giocattoli e ricompense fanno crescere i bambini materialisti

E voi Unimamme che metodo avete trovato per tenere in ordine quelle camere degli orrori?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.