Caso Willy: i genitori commossi dalla telefonata di Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:42

Il terribile caso in cui il giovane Willy è stato coinvolto ha colpito anche il Presidente del Consiglio, Conte, che ha deciso di chiamare i suoi genitori.

Willy Monteiro (fonte Instagram @ejayivanlac)
Willy Monteiro (fonte Instagram @ejayivanlac)

La vicenda ha dell’incredibile e dell’assurdo. Come si fa a morire a 21 anni per dei calci e pugni, sferrati senza alcuna motivazione da dei propri coetanei?

Non ci sono spiegazioni alla violenza gratuita subita dal 21enne di Colleferro, Willy Monteiro, che purtroppo, intervenuto per sedare una rissa e aiutare un amico, ci ha rimesso la vita.

La violenza non è mai la scelta giusta da compiere e lo stesso Willy ne era cosciente nel momento in cui si è palesato per salvare un amico dalla furia di quattro ragazzi che, mossi dal cieco desiderio di far male, si sono scagliati contro di lui, pestandolo fino ad ucciderlo.

Ecco, un gesto del genere non è giustificabile e non si può giustificare nemmeno a una mamma e un papà che aspettano con ansia il ritorno a casa del proprio figlio.

Un rientro, che nel caso di Willy, non avverrà mai più perché quattro vili ragazzi hanno deciso di ucciderlo. Come si fa a raccontare tutto ciò a una madre che ha sempre insegnato al proprio bambino di non rispondere mai alla violenza con la altra violenza, ma di usare le parole nelle situazioni più estreme.

Ed è proprio questo che i genitori di Willy hanno insegnato al proprio figlio di difendersi con la parola e non usando le mani.

Una morte che non ha alcuna spiegazione e che è difficile da commentare. Sono molte le istituzioni del Paese che hanno condannato duramente il comportamento violento di quei quattro ragazzi, esprimendo piena solidarietà alla famiglia.

Una famiglia che adesso è distrutta dal dolore e non ha la forza nemmeno di parlare.

Caso Willy: i genitori stupiti e commossi dalla telefonata del Presidente del Consiglio Conte

Giuseppe Conte (fonte Instagram @giuseppeconte_ufficiale)
Giuseppe Conte (fonte Instagram @giuseppeconte_ufficiale)

Tra le varie personalità che hanno voluto esprimere il loro cordoglio e vicinanza alla famiglia di Willy c’è anche il Presidente del Consiglio Conte che da Beirut ha chiamato i genitori del ragazzo.

LEGGI ANCHE: Generazione “perduta”: l’accusa di un esperto ai genitori che non fissano regole

Le parole del Presidente non nascondono lo stupore e l’amarezza per quello che è successo. Ecco cosa si legge su Il Fatto Quotidiano: “Mi ha fortemente colpito, vorrei dire anche scioccato. E mi rendo conto che uso una parola forte. Ho preferito non rilasciare dichiarazioni e prima parlare con i genitori del ragazzo, e l’ho fatto in punta di piedi. Se da un lato volevo far sentire la vicinanza del governo e della comunità nazionale, dall’altra temevo di essere invasivo”. Ed infine Conte ha chiuso il suo pensiero con un quesito importante, vista la questione: “Fermiamoci tutti a riflettere, cosa diremo ai nostri figli…di non intervenire quando vedrà una lite? Che messaggio trasmettiamo, a quali rischi vanno incontro?”.

Del resto non esistono parole giuste per giudicare un tale fatto, dal momento che ancora non si comprende cosa abbia spinto i quattro ragazzi a pestare di botte Monteiro, anche se la pista più papabile, purtroppo, è quella di razzismo.

I genitori di Willy hanno parlato per mezzo del loro avvocato, ringraziando Conte e dicendosi “commossi” dalle parole che il Presidente ha usato durante la telefonata con loro.

LEGGI ANCHE: Sesso e violenza tra minorenni su Whatsapp: è allarme a scuola

Una chiamata che sicuramente non potrà ridargli il figlio perso, ma che li rende consapevoli del fatto di aver cresciuto un ragazzo responsabile e con dei valori importanti. Un ragazzo che, visto un amico in difficoltà, non si è voltato dall’altra parte, ignorando cosa stesse accadendo, ma intervenendo in prima persona e, purtroppo, rimettendoci la vita.

E questo insegnamento, di certo, cioè di non voltarsi dall’altra parte, ma di essere solidali l’uno nei confronti dell’altro sono stati proprio i genitori di Willy ad insegnarglielo.

Un giovane che, proprio per la sua bontà, era amato da tutti e che non si meritava la fine che ha fatto.

Willy Monteiro (fonte Instagram @presidiodellibrotufo)
Willy Monteiro (fonte Instagram @presidiodellibrotufo)

LEGGI ANCHE: Se tuo figlio è vittima di bullismo

E voi Unimamme che cosa ne pensate di questa terribile faccenda?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.