Papà non può andare alle nozze del figlio: il figlio porta le nozze da lui

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:35
0
352

In tempi difficili un figlio organizza un matrimonio molto singolare affinché anche il padre malato possa parteciparvi.

matrimonio cortile ospedale (1)
fonte Hadassah Ein Kerem Hospital

Unimamme, la pandemia ci costringe a nuove misure da seguire per adattare la nostra vita, a volte però si possono trovare soluzioni un po’ fantasiose.

Da Israele proviene una bella storia legata a un matrimonio.

LEGGI ANCHE: PADRE E FIGLIO GUARITI DAL COVID 19 DIMESSI INSIEME: IL SALUTO COMMOSSO DEGLI INFERMIERI VIDEO

Papà malato di Covid: il figlio va a sposarsi in ospedale

Un uomo di 56 anni, un padre, era stato ricoverato per un grave caso di Covid – 19 a settembre e da allora è rimasto in ospedale

matrimonio cortile ospedale
fonte Hadassah Ein Kerem Hospital

LEGGI ANCHE > LA VITTORIA SUL COVID 19 DI UN UOMO E UNA DONNA CENTENARI

Il figlio ventenne in procinto di sposarsi però non voleva escluderlo dalla cerimonia e così ha trovato un modo per farlo partecipare preservando la sicurezza di tutti.

leggi ANCHE: “PER I MEDICI ERA DA NON RIANIMARE”: FIGLIO CURA PADRE A CASA | foto

L’uomo infatti ha partecipato dalla finestra dell’ospedale in cui si trova ricoverato, mentre il figlio si è unito in matrimonio nel cortile dell’ospedale.

Yad Avraham, un’associazione di volontari che ha aiutato ad allestire il matrimonio, ha dichiarato che il padre ha indossato un cappello speciale che gli ebrei ultra ortodossi sfoggiano in occasioni speciali.

L’uomo però era troppo debole per indossare anche la veste da cerimonia. L’ospedale Haddasah di Gerusalemme ha specificato che l’evento si è svolto in rispetto di tutte le norme per la prevenzione della diffusione del coronavirus. Tutti gli invitati hanno indossato la mascherina. Inoltre vi erano solo 20 persone.

La sposa, accompagnata da due donne che tenevano in mano delle candele, ha sfilato fino a un tradizionale baldacchino posto nel cortile dell’ospedale. Nel frattempo, un cantante ha intonato canti ebraici, mentre la famiglia ultra ortodossa della città di Arad era circondata dai pochi ospiti. Nel filmato si vede che il padre è steso su un letto con una maschera per l’ossigeno, vicino alla finestra incorniciata da palloncini colorati.

Unimamme, cosa ne pensate di questa soluzione proposta su Time of Israel? Noi vi lasciamo conl nuovo dpcm.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.

 
Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS