Immunità da COVID-19: le buone notizie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26
0
696

L’immunità da COVID-19 esiste, quanto dura? Degli studi cercano di dare una risposta ad una delle domande più frequenti da inizio pandemia.

Foto da Adobe Stock

Nel nostro Paese, come ben sappiamo i casi di Covid-19 sono aumentati nell’ultimo periodo, tanto da far emanare un nuovo Dpcm ad inizio mese per cercare di contenere i contagi.

LEGGI ANCHE: TAMPONE NASALE FAI DA TE: L’ULTIMA NOVITÀ PER COMBATTERE IL VIRUS

Da inizio pandemia le domande che vengono poste agli esperti, medici, virologi, epidemiologi ed infettivologi sono tante ed a volte le risposte tardano ad arrivare per la scarsa conoscenza di questo virus.

Immunità da COVID-19: esiste, quanto dura?

COVID-19
Foto da Instagram di @robvilla

Una delle domande che in questo periodo è tornata ad essere fatta a molti esperti, oltre a quella quando arriverà il vaccino e se sarà efficace, è quella di “Una volta guariti da Covid-19 l’immunità è permanente o si rischia di ammalarsi di nuovo?“.

Una bella domanda alla quale vorremmo che gli esperti rispondessero con certezza che chi si è già ammalato una volta non si ammali più.

LEGGI ANCHE: LA BUONA NOTIZIA SUGLI ANTICORPI AL VIRUS: LO STUDIO | FOTO

Se all’inizio della pandemia si avevano dei dubbi, proprio per mancanza di dati certi, adesso sembrerebbe che ci stiamo avvicinando ad una risposta.

Durante questi mesi abbiamo imparato a conoscere meglio la giornalista e medico Roberta Villa che attraverso le sue storie su Instagram da delle piccole, ma utilissime e semplici informazioni.

La Dottoressa Villa inizia le sue stories con una bella notizia: “Si cominciano a sommare prove che, anche quando gli anticorpi scendono fino a sparire, settimane o dopo l’infezione, le cellule del sistema immunitario continuano a “ricordarsi” del virus, e possono quindi rispondere più prontamente“. Questa sarebbe veramente una bellissima notizia, ma la Villa specifica: “Significa che chi ha fatto la malattia non può riprenderla? E’ presto dirlo, ma questo dato di laboratorio, insieme al fatto che i casi di reinfezione finora sono pochi, fa ben sperare“.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS: GLI ITALIANI CON GLI ANTICORPI, PRIMI RISULTATI DEI TEST

Noi come la Dottoressa speriamo che la somma di questi studi confermi il risultato. Alla fine la Dottoressa ci ricorda che L’evidenza scientifica si costruisce goccia a goccia, mai o quasi con un singolo studio. Non siamo ancora arrivati a una conclusione definitiva, ma le gocce degli ultimi giorni vanno in questa direzione“.

Le parole della Villa fanno seguito a diversi studi che si stanno facendo in questo ultimo periodo per capire anche la durata dell’immunità. Uno studio americano ha analizzato 185 persone tra i 19 e gli 81 anni guariti dalla Covid-19 e che avevano sviluppato sintomi lievi che non richiedevano il ricovero in ospedale. Analizzando il loro sangue si è andato a vedere il comportamento, dopo la guarigione, degli anticorpi, delle cellule B (che producono più anticorpi secondo necessità) e dei due tipi di cellule T (o linfociti T), che contrastano specificatamente il virus.

Dai risultati si è visto che:

  • anticorpi e le cellule T hanno mostrato un modesto calo da sei a otto mesi dopo l’infezione,
  • le cellule B di memoria sono cresciute di numero a sei mesi dalla guarigione.

I ricercatori hanno dedotto che le cellule immunitarie possano rimanere nell’organismo molto a lungo: “Questa quantità di memoria immunitaria probabilmente impedirebbe alla stragrande maggioranza delle persone di contrarre una malattia che richiede il ricovero, e quindi più grave, per molti anni”.

Voi unimamme seguite la Dottoressa Villa? Speriamo che questi studi trovino conferma.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci su GOOGLENEWS.