Donne incinte e Covid: la malattia che colpisce 2 su 3

Uno studio ha analizzato il benessere psico fisico delle donne incinte durante la pandemia.

mamma incinta covid
Foto da Adobe Stock

Unimamme, molte persone stanno avendo pesanti ripercussioni mentali a causa del Covid – 19.

Donne incinte e salute mentale: i risultati di uno studio

Tra i soggetti puù fragili ci sono anche le donne incinte che già vivono un momento di profondo cambiamento e ansia.

Uno studio pubblicato sulle rivista World Psychiatry, ha indagato questo aspetto.

LEGGI ANCHE: I BAMBINI CONCEPITI DURANTE IL COVID19 AVRANNO DEI DISTURBI TRAUMATICI?

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha parlato di “erosione del benessere psicologico e psichico”, rilevando come in moltissime persone, tra cui anziani, bambini e soggetti più fragili siano stati osservati sintomi come:

  • ansia
  • depressione
  • segnali da stress post traumatico

Isolamento, perdita o precarietà del lavoro, paura di essere contagiati sono alcuni dei fattori che contribuiscono a minare la nostra serenità mentale.

Una équipe di ricercatori americani, guidati da altri colleghi del dipartimento di medicina neonatale di Brighame del Women’s Hospital di Boston, insieme agli scienziati del dipartimento di Psichiatria e della scuola di medicina di Harvard, hanno condotto uno studio:

mamme stressate Covid
Foto da Adobe Stock
  • sulla salute mentale delle donne in gravidanza
  • o subito dopo il parto

LEGGI ANCHE: PROBLEMI PER 6 BAMBINI SU 10 DOPO IL LOCKDOWN: LO STUDIO | FOTO

Durante il periodo perinatale le donne sono  vulnerabili per quanto riguarda i problemi mentali. Una donna su cinque ha dei problemi prima e dopo il parto. Gli scienziati volevano scoprire se la pandemia potesse rendere ulteriormente critico un periodo già molto delicato.

Ecco come si è svolta la ricerca:

  • sono state coinvolte 1123 donne incinte o che avevano appena partorito
  • tutte hanno affrontato questionari standardizzati
  • i questionari sono stati valutati con un punteggio inerente lo stato di salute mentale
  • il periodo di contatto è stato tra 21 maggio e 17 agosto 2020
  • le donne sono state reclutate con messaggi di posta elettronica o di messaggistica

Da questa ricerca, denominata: Perinatal Experiences and COVID-19 Effects Study (PEACE) è risultato che il 36,4% delle intervistate ha sviluppato livelli di depressione che sono clinicamente significativi, si tratta di una mamma su tre.

Prima dell’arrivo del Covid i risultati erano intorno al 15-20%, come riportato in un comunicato stampa dell’ospedale di Boston. Il 22,7% una su 5 quindi, aveva livelli significativi di ansia, mentre il 10,3%, cioè una su dieci presentava un disturbo da stress post traumatico.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS | “LE DONNE INCINTE DEVONO ESSERE TRANQUILLE”: PARLA L’ESPERTO

C’erano poi anche donne che avevano già avuto problemi mentali e queste avevano un rischio:

  • da 1,6 a 3,7 volte maggiore di sperimentare livelli clinici significativi di disturbi mentali

le donne che:

  • erano molto preoccupate per la salute (il 18%)
  • che avevano sperimentato: dolore, perdita, delusione per la pandemia (9%)

avevano un rischio di gran lunga superiore di avere livelli clinici di ansia, disturbi depressivi e PTSD.

Bisogna infine sottolineare che le donne osservate erano:

  • bianche
  • benestanti
  • con istruzione universitaria
  • conviventi con coniuge o partner

Unimamme, voi cosa ne pensate dei risultati presentati sulla rivista scientifica Psychiatry Research? Noi vi lasciamo con uno studio che dimostra come lo stress in gravidanza abbia conseguenze sul nascituro.

Per restare sempre aggiornato su notizie, richiami e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.