Culla neonato: come scegliere la più adatta per il sonno del bebè

Scegliere la culla per il proprio neonato può risultare un arduo compito, ecco allora alcuni consigli su come orientarsi.

culla per neonati (fonte unsplash)
culla per neonati (fonte unsplash)

Il sonno dei bambini appena nati è un argomento davvero caldo per tutti i neogenitori.

Purtroppo bisogna rassegnarsi all’idea che per diverso tempo non sarà possibile dormire le canoniche sette/otto ore a cui si è abituati solitamente.

Tante sono le ricerche fatte in questo campo e la maggior parte di queste concorda nella possibilità, a parte le varie eccezioni, che i neogenitori potrebbero non dormire come prima per circa sei anni.

Come è noto i più piccoli, durante la notte, si svegliano di continuo a causa di una serie di necessità che vanno soddisfatte: dal cibo al contatto fisico.

Infatti come si è visto in qualche articolo passato, dietro ai continui pianti che portano i neonati a svegliarsi di notte non c’è solo la fame, ma anche il fatto di avere un sonno disturbato o addirittura di fare qualche sogno poco rassicurante.

E sì anche i neonati sognano!

Pare evidente, quindi, che è necessario circondarsi di tutti gli strumenti necessari per rendere il sonno del proprio bambino il più confortevole e duraturo possibile.

Ovviamente per raggiungere un tale obiettivo è importante partire da un aspetto fondamentale: la culla.

Culla per il neonato: ecco le regole per scegliere quella più adatta al bebè

Culla neonati (fonte unsplash)
Culla neonati (fonte unsplash)

La culla per il proprio bebè è un acquisto fondamentale che tutti i genitori in attesa dovrebbero provvedere a fare. Molti però tendono a riciclare quelle dei figli maggiori o a farsele prestare da amici e parenti che non le usano più.

Tuttavia però ogni bambino ha un’esigenza diversa e di conseguenza sarebbe bene individuare una culla che possa andare a soddisfare tutte le possibili necessità del piccolo.

Ecco, allora, alcune regole generali da tenere in considerazione quando si va ad acquistare una nuova culla:

  • sponda che si abbassa con una mano, questo è fondamentale perché rende molto più facile il fatto di prendere in braccio il bambino senza doversi abbassare completamente;
  • struttura robusta;
  • priva di pericoli, certo bisogna stare attenti che non ci siano degli spigoli pericolosi contro i quali il piccolo possa sbattere;
  • altezza del materasso regolabile;
  • che abbia un kit di conversione a lettino;
  • fornito di cassetti dove poter inserire tutto ciò che serve per il neonato dai pannollini fino ai suoi vestitini;
  • materasso a norma;
  • fabbricata dopo il 1990;
  • priva di paracolpi che non si fissano

Culla per il neonato, ecco cosa comprare: dalla foppapedretti alla chicco next2me

Una culla davvero classica e adatta a quasi tutte le esigenze è quella della Foppapedretti a cui molti genitori nel corso degli anni si sono affidati proprio per la sua semplicità e soprattutto sicurezza.

Questa presenta una sponda regolabile a doppia altezza a destra o a sinistra. Inoltre a rendere la struttura affidabile è anche la sua robustezza perché costruita con doghe in legno, la vernice atossica e inoltre è facile da spostare grazie alle ruote di cui è dotata.

Un’altra culla davvero valida è la chicco next2me. Questo modello è spopolato negli ultimi anni per la gioia di tante mamme.

La comodità di questa culla consiste nel fatto che è molto facile agganciarla al letto, in modo tale da permettere alla mamma di non alzarsi per allattare il piccolo o la piccola.

In sostanza la next2me della Chicco ha una sponda con una sola mano, un dondolino attivabile e delle ruote frenabili.

Se invece si ha la necessità di essere un pò più glamour, c’è la possibilità di acquistare una culla lettino con baldacchino che si può affiancare al letto matrimoniale. Si tratta della culla multifunzione Raba e include una serie di comfort come il dondolo, divanetto, materasso, paracolpi e biancheria letto.

Per uno stile classico ci si può orientare sulla culla Waldin che è dotata di una cappotta di vari colori. Oltre a questo è presente anche una tenda/zanzariera per riparare il bimbo soprattutto d’estate. Questa culla non ha nessun componente in legno.

Un’altra idea valida è quella di orientare la propria scelta sull’acquisto di una cameretta completa composta da lettino, fasciatoio, materasso e piumone che oltre alla bellezza unisce anche la praticità e sicurezza indispensabile per il bambino.

Un ulteriore scelta vincente può essere quella della culla che si trasforma in un lettino, in modo tale da sfruttare anche una volta che il piccolo è un pò più grande.

Inoltre se si è amanti dei campeggi soprattutto d’estate, c’è la possibilità di acquistare una culla da campeggio facilmente trasportabile per neonati fino ai 9 chili con finestre laterali per controllare il neonato totalmente a norma.

Infine ci si può orientare anche verso una culla trasporto facile dotata di chiusura e apertura rapida, giostrina multimediale e del dondolino.

Culla neonati (fonte unsplash)
Culla neonati (fonte unsplash)

E voi unimamme quale culla avete scelto per i vostri piccoli?