Perché è importante vaccinarsi? La storia di una foto virale lo spiega perfettamente

Perchè è importante vaccinarsi? La storia della foto virale di due fratelli esposti allo stesso virus ci farà capire la fondamentale importanza dei vaccini.

bambina vaccino
fonte: iStock

Da qualche anno sono insorte credenze e polemiche in merito alla somministrazione obbligatoria dei vaccini per i bambini. Sono sempre di più, infatti, i genitori che decidono di non vaccinare i figli preferendo esporli all’agressività di malattie considerate, ormai, innocue.

Sul web sono circolate diverse voci in merito alla pericolosità dei vaccini che, tuttavia, sono state quasi del tutto smentite dagli esperti competenti in materia.

Perché è importante vaccinarsi? Forse i nostri nonni, esposti a malattie come il vaiolo e la poliomelite, possono rispondere a questa domanda.

Ecco una foto che vale molto più di mille parole e sulla quale chiunque dovrebbe riflettere.

Perché è importante vaccinarsi? La storia della foto di due fratelli con il vaiolo lo spiega perfettamente

fonte: Instagram

Questa foto molto datata ritrae due bambini della stessa età e cela un esperimento che, ai tempi, fece molto scalpore.

Il bambino a sinistra è affetto dal vaiolo, una malattia terribile che lo ha ricoperto di dolorosissime pustole, mentre il bambino a destra, che gli si affianca senza pericolo sembra star bene.

Il vaiolo, lo ricordiamo, è una malattia contagiosa di origine virale che nel 30% dei casi risulta fatale, dichiarata ufficialmente eradicata dall’OMS nel 1980 grazie al vaccino. Il vaccino antivaioloso è composto da un virus simile a quello del vaiolo, il virus Vaccinia di origine bovina e storicamente ha avuto un efficacia nel prevenire l’infezione nel 95% dei casi. 

La foto è dei primi anni del Novecento ed è stata scattata dal dottor Alan Warner presso il reparto di isolamento nell’Ospedale di Leicester, nel Regno Unito. Il dottor Warner, infatti, al tempo fotografò numerosissimi pazienti affetti dal vaiolo con lo scopo di capire e studiare a fondo la malattia.

Questa foto, in particolare, nel 1906 fu pubblicata da un’eminente rivista medica, lo Scottish Medical and Surgical Journal: i due bambini, di 13 anni, erano stati colpiti dallo stesso ceppo di vaiolo nel medesimo giorno, ma solo uno dei due era stato sottoposto al vaccino.

Il vaccino contro questa terribile malattia fu il primo al mondo ad essere creato: fu preparato da uno studioso inglese di nome Edward Jenner nel 1796.

Solo grazie a questa preziosa invenzione il nostro tempo non è più afflitto da malattie come questa e non ci sono più bambini colpiti dal vaiolo o da qualche altra infezione in modo così grave.

E voi Unimamme, cosa ne pensate?