Botti di Capodanno: le regole e i divieti perché non ci siano danni

I botti di Capodanno sono stati quest’anno vietati in molte città. Laddove si può, è bene seguire delle regole per l’incolumità di tutti.

botti capodanno divieti
immagine da adobestock

Complici le restrizioni e il coprifuoco per la pandemia, quest’anno i botti saranno vietati in molte città italiane. Tra i modi alternativi che ci saranno per festeggiare l’arrivo del nuovo anno e la fine di quest’anno infausto, alcune persone forse non riusciranno a fare  a meno di questa tradizione datata ma che ancora riscuote successo, soprattutto fra i giovani.

Vediamo dove saranno vietati i botti di Capodanno e quali sono le indicazioni e le regole da seguire per l’incolumità di grandi e piccini, ma anche per gli animali domestici e tutte le persone più deboli e sensibili al rumore.

I botti vietati in tante città italiane, con multe e sanzioni penali

Quest’anno, come previsto nel DPCM, bisognerà rispettare il coprifuoco tra le ore 22:00 e le ore 5:00 del mattino. Basterebbe già questo, insieme al divieto di assembramenti e quindi alle iniziative sospese in tutte le piazze e i luoghi di ritrovo, a cercare forme alternative di festeggiamento.

Da Milano a Genova, da Firenze a Bologna, da Napoli a Bari e Palermo, sono tantissime le città italiane che, con delle ordinanze specifiche, hanno vietato il tradizionale rito di sparare botti a mezzanotte, con multe più o meno salate e sanzioni anche penali.

A Treviso l’ordinanza del sindaco prevede il divieto di sparare i botti dal 24 Dicembre al 6 Gennaio, per il rispetto e l’incolumità di anziani, ammalati, bambini, animali domestici e tutte le persone fragili.

In tutte queste città, così come a Roma, sono state pensate anche degli eventi musicali e artistici alternativi, che sostituiranno gli spettacoli di piazza con spettacoli trasmessi in streaming per tutti i cittadini.

A questo link troverete tutte le iniziative che sono state pensate per le varie città, in questo Capodanno così particolare.

Dunque un festeggiamento alternativo per moltissime persone. Ma il rituale dei botti ha sempre il suo seguito e ci sono quelli per i quali è irrinunciabile, nonostante le limitazioni.

Le regole per utilizzarli in sicurezza

Se il vostro comune non ha emesso un divieto e volete festeggiare il Capodanno con i botti, vi suggeriamo alcune regole per farlo in sicurezza, soprattutto se partecipano anche i bambini. Vi avevamo già parlato dei consigli degli esperti per i bambini  di altre precauzioni e consigli per salvaguardare la vostra e la loro salute.

  • Innanzitutto, acquistate sempre fuochi pirotecnici e botti legali, da rivenditori autorizzati, evitando quindi le bancarelle e facendo attenzione al marchio CE.
  • State sempre accanto ai bambini se maneggiano botti.
  • Leggete bene le istruzioni sull’etichetta, facendo attenzione alle categorie IV e V, ovvero quelle dei fuochi riservati ai professionisti.
  • Non mettete mai i botti in contenitori o scatole quando li accendete e non modificate mai la miccia.
  • Tenete sempre il braccio ben teso, allontanateli sempre da occhi e viso. Questo vale anche per quelli che vi sembrano innocui come le stelline di Natale che si danno ai bambini.
  • Lasciate stare i fuochi inesplosi, che sono molto pericolosi. Soprattutto vigilate che nei giorni successivi al Capodanno i vostri figli non li raccolgano per strada e provino a spararli.

Ancora oggi, purtroppo, sono tantissimi i fuochi illegali sequestrati dalla Polizia di Stato nel periodo natalizio, che mettono a rischio l’incolumità di chi li maneggia ma anche di chi si trova nelle immediate vicinanze.

Inoltre, quest’anno, dato il sovraffollamento degli ospedali e i ricoveri dovuti alla pandemia, i ricoveri di persone ferite dai botti rischiano di sovraccaricare ancora di più il nostro sistema sanitario.

I rischi dei botti di Capodanno per gli animali

C’è un altro aspetto che ormai dovrebbe far abbandonare questa tradizione così radicata nella nostra cultura. I botti, con i loro suoni forti e le luci accese ed improvvise, sono fonte di disturbo per i bambini, soprattutto i neonati, le persone anziane, soprattutto se cardiopatiche e anche per gli animali, che hanno spesso reazioni estreme dovute alla paura.

Per quanto riguarda gli animali, l’Oipa (Organizzazione Internazionale per la protezione degli Animali) ha lanciato l’allarme per gli effetti che i botti possono avere sugli animali. Si parla degli animali domestici, soprattutto quelli più anziani cardiopatici, che potrebbero morire di infarto o scappare per la paura, ma anche della fauna selvatica che vive in boschi e parchi cittadini, che spaventata e disorientata rischia di schiantarsi contro gli alberi o farsi investire.

Proprio questa organizzazione a tutela degli animali ha emesso un decalogo con alcuni consigli per limitare i danni agli animali. I consigli vanno dal non lasciarli soli e tenerli magari in casa, al chiudere porte e finestre e tenere a volume alto tv o radio. Ma, laddove è possibile, l’Oipa consiglia di recarsi fuori città per evitare all’animale questo trauma, oppure di sensibilizzare l’opinione pubblica e scrivere al proprio comune per fare emettere una ordinanza specifica.

decalogo oipa botti animali
foto dal sito oipa.org

I rischi dei botti di Capodanno per bambini e anziani

Chi ha in casa un bambino neonato o una persona anziana sa che alcune regole di buona condotta valgono per entrambi.

I bambini con delle difficoltà, i bambini autistici e tutte le persone con una sensibilità maggiore sono quelle che vanno maggiormente tutelate.

I rumori forti ed improvvisi possono causare forte disagio e ansia nelle persone suscettibili e particolarmente sensibili, fino a vere e proprie manifestazioni di pianto e urla, arrivando addirittura all’autolesionismo e alle convulsioni.

Questi bambini vivono nel loro mondo unico e particolare, nel quale riescono a ritagliarsi la loro serenità. Un evento come quello dei botti di Capodanno può essere una vera catastrofe per loro

Ecco perché bisogna avere maggiore cura per loro, evitando quanto più è possibile di fargli vivere il trauma dei botti.

Anche per i neonati può essere un momento traumatico. I pediatri sembrano concordare sul fatto che, alla giusta distanza, i rumori dei botti non provochino danni fisici, ad esempio all’udito, in quanto sono episodi isolati e non espongono il bambino ad una fonte di rumore continua. Ma l’aspetto psicologico va tenuto in conto.

Oltre ad essere molto abitudinari, i neonati iniziano nei loro primi mesi di vita a riconoscere i suoni e i rumori a loro familiari. Questo vale anche per le luci e per gli odori. I fuochi pirotecnici che tanto piacciono a grandi e bambini, possono essere, per un neonato o un bambino molto piccolo, un evento traumatico perché a lui sconosciuto. Senza considerare che a mezzanotte magari stanno già dormendo e quindi verrebbero svegliati dai rumori e dalle luci accecanti.

Ecco perché i genitori devono rispettare la sua tranquillità e cercare un luogo appartato  e meno esposto dove poter portare il bambino se dovesse spaventarsi ed iniziare a piangere.

botti di capodanno regole e divieti
immagine da adobestock

Voi, unimamme, come inizierete il nuovo anno? Che scegliate di farlo in città o altrove, seguite queste regole per festeggiare al meglio. Restare al sicuro, insieme alle persone che amate o ai vostri amici a quattro zampe, è il modo migliore per iniziare il nuovo anno.