Neonato: come scegliere il ciuccio giusto per il bebè?

Un elemento davvero importante per il vostro neonato fin dai primissimi giorni è il ciuccio, ma come scegliere quello giusto?

Ciuccio (fonte unsplash)
Ciuccio (fonte unsplash)

Il ciuccio che invenzione! Quante mamme possono dire di essersi salvate da situazioni estreme grazie a questo semplice oggetto? Davvero tantissime.

Eppure, nonostante sia così semplice, sul mercato ne esistono tante varianti di diverse marche.

E qui arriva il dilemma: come capire quello che è più adatto alle esigenze del vostro bebè?

Innanzitutto un primo consiglio da poter seguire è quello di comprare diversi modelli e fare scegliere al piccolo. Sarà lui che vi farà capire con quale si trova meglio.

Inoltre poi il ciuccio va scelto in base all’età del bambino e soprattutto al tipo di alimentazione che il piccolo sta seguendo se allattamento al seno oppure artificiale.

Questi passaggi sono fondamentali proprio per avere una maggiore resa e soprattutto per rendere soddisfatto il bambino, che facilmente può stranirsi al minimo cambiamento.

Neonato: come scegliere il ciuccio più adatto?

Innanzitutto bisogna partire da un fattore fondamentale: cioè il fatto che il ciuccio è un oggetto indispensabile per il vostro bebè ed è fortemente raccomandato dal Ministero della Salute, proprio per prevenire la morte in culla.

Per un approfondimento maggiore su questo aspetto così delicato, ecco un articolo passato in cui si parla di SIDS.

Tuttavia, poi, come è noto i ciucci non sono tutti uguali sia per materiale caucciù o silicone sia per la forma: a ciliegia, simile alla forma del capezzolo o anatomico.

ciuccio a 6 anni

Ciuccio: a cosa serve?

Il ciuccio non è un vizio, ma serve a soddisfare il bisogno innato che i neonati hanno di ciucciare.

Per i bebè ciucciare è un comportamento fondamentale perché infonde loro sicurezza, protezione e tranquillità. Proprio per questo motivo quando si dà il ciuccio al neonato si tranquillizza proprio perché sta appagando un bisogno.

Insomma il ciuccio è un valido alleato della mamma e del bambino e come scritto sopra sono innumerevoli i suoi vantaggi dalla prevenzione della SIDS fino alla soddisfazione del bebè di ciucciare e proprio per tale ragione non va assolutamente demonizzato.

Ciuccio: come sceglierlo?

Con il tempo il ciuccio si è modificato, tanto che adesso ci sono dei ciucci ortodontici sempre più specializzati e in grado non solo di calmare il bambino ma anche di aiutare il neonato a sviluppare la capacità di suzione.

Infatti molti ciucci possono essere utilizzati per fra prendere confidenza con la suzione al neonato e migliorare la sua capacità di nutrirsi.

I neonati prematuri sono un esempio, in relazione all’epoca gestionale di nascita non hanno ben sviluppato il riflesso di suzione e un ciuccio può essere di grande aiuto e conforto.

Ma come è composto il ciuccio o succhiotto? Questo è formato da due parti: la tettarella che è la parte ciucciata dal bambino e lo scudo che è la parte esterna a contatto con le labbra del bebè.

Cosa è necessario considerare per l’acquisto del ciuccio adatto?

  • materiale
  • forma
  • misura

Materiale del ciuccio

I ciucci possono essere di caucciù o di silicone:

  • Ciuccio in silicone: è molto resistente e morbido, tanto che nella bocca della bebè simula il capezzolo della mamma. Proprio per questo il ciuccio in silicone è raccomandato in caso di allattamento al seno per non creare interferenze. Inoltre il silicone si adatta alle alte temperature e quindi è possibile sterilizzare il ciuccio ad alta temperatura. Questo è raccomandato fino al sesto mese.
  • Ciuccio in caucciù: è un materiale naturale e se ingerito non comporta nessuna problematica. Per questo i ciucci in caucciù sono adatti ai bambini oltre i sei mesi di vita, soprattutto nel caso in cui con la dentizione potrebbe iniziare a mordicchiare il ciuccio e rompere dei pezzi.

Forma del ciuccio

Le forme del ciuccio sono:

  • a ciliegia
  • a goccia
  • anatomico
  1. Il ciuccio a ciliegia è simile al capezzolo materno e quindi adatto, come scritto in precedenza, in caso di allattamento al seno. Durante il primo mese è necessario scegliere la dimensione piccola del ciuccio e cambiarlo frequentemente in modo tale da evitare che si ingrandisca e comprometta lo sviluppo del palato e delle arcate dentarie. È sempre indicato nei primi mesi scegliere un ciuccio di questo fomrato.
  2. Il ciuccio a goccia ha una forma più allungata ed è adatto ai bambini più grandi, soprattutto durante il sonno. Ha uan forma simmetrica che garantisce una buna aderenza al palato ed è disponibile in vari colori.
  3. Il ciuccio anatomico si adegua alla forma del palato del bambino e al suo sviluppo senza danneggiarlo seguendo l’anatomia della bocca. Questi hanno una forma schiacciata ed ellittica con la punta rivolta verso il palato.

Misura del ciuccio

I ciucci hanno delle misure differenti che si adattono all’età del bambino, le misure in commercio sono:

  • per neonati dai 0 ai 3-6 mesi
  • per bambini dai 4 o 6 mesi in su
  • per i bambini dai 6 ai 12 mesi in su

E voi unimamme come vi siete regolare nella scelta del ciuccio?