Richiamo prodotto alimentare per bambini: marca e lotto interessati

Nelle ultime ore, è stato pubblicato sul sito del Ministero della Salute il richiamo di una pappa per neonati, utilizzata per il loro svezzamento.

pappa svezzamento neonato

Quello in questione è un prodotto che si trova facilmente in tutti i punti vendita, stiamo parlando, infatti, di pappe per bambini destinate allo svezzamento. Dato che si tratta di alimenti per bambini, va prestata molta attenzione, in particolare, si tratta di un marchio che il produttore ha dichiarato non idoneo alla sua distribuzione. Il richiamo di pappe per lo svezzamento, infatti, serve proprio ad avviarne il suo tracciamento, per capire dove il prodotto incriminato è stato venduto.

Pubblicato dal Ministero un richiamo di pappe per lo svezzamento

Diventa di grande importanza, quindi, la cooperazione tra consumatori e punti vendita. Proprio quest’ultimi, ad esempio, possono informare le persone con avvisi online o anche cartacei.

Quando un prodotto viene sottoposto a richiamo ci possono essere diverse motivazioni. Nel caso in questione il rischio è per la presenza di un allergene. Il pericolo consiste nel fatto che un soggetto allergico alla soia, a sua insaputa, può assumerla a causa di una mancata indicazione sull’etichetta, andando incontro a gravi conseguenze per la sua salute.

 

richiamo pappa bambino
Fonte: Ministero della Salute

L’avviso è stato pubblicato sul sito del Ministero della Salute dove sono stati specificati tutti i dettagli:

  • Marchio del prodotto: PICCOLINO BABY
  • Denominazione di vendita: CREMA DI MAIS, RISO E TAPIOCA – Piccolino Baby
  • Lotto di produzione: AF e AI
  • Nome del Produttore: GITTIS NATURPRODUKTE GMBH & Co KG Codice EAN 8003100863287
  • Sede dello stabilimento: HALLEINER LANDERSTRASSE 3 – 5412 PUCH – AUSTRIA
  • Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 30/11/2021 e 01/03/2022
  • Descrizione peso/volume unità di vendita: 200 gr
  • Motivo del richiamo: Presenza Allergene Soia
  • Avvertenze: Date di Scadenza coinvolte: 30/11/2021 e 01/03/2022

La motivazione alla base del richiamo, quindi, è la presenza di un allergene che non è stato dichiarato sull’etichetta. In questo caso si tratta della soia. È bene, quindi, che chi sia in possesso di questi prodotti, li restituisca al negozio dove li ha acquistati, potendo fare richiesta di rimborso o sostituzione.

Voi unimamme cosa ne pensate di questo richiamo? Avete mai comprato questo marchio?

Impostazioni privacy