Covid, il dramma dell’ex calciatore Bellugi: “Mio padre ha perso le gambe”

A Live – Non è la D’Urso, per la prima volta, parlano la moglie e la figlia dell’ex calciatore Mauro Bellugi: “Dopo il Covid mio padre ha perso entrambe le gambe”.

fonte: Getty

Per la prima volta dall’inizio del loro dramma, parlano la moglie e la figlia dell’ex calciatore e campione dei mondiali Mauro Bellugi: dopo la scoperta del Covid ha subito l’amputazione di entrambe le gambe.

Mauro Bellugi è stato tra i campioni dei mondiali di calcio del 1978 a Buenos Aires: dopo aver giocato per anni con la maglietta dell’Inter, è oggi un importante commentatore sportivo.

A Live Non è la D’Urso, durante la puntata andata in onda questa sera, la moglie e la figlia hanno raccontato la vicenda accaduta al loro caro marito e padre collegatosi in diretta dall’ospedale di Milano nel quale lui è ancora ricoverato.

Nonostante il dolore e la sofferenza psicologica, il grande calciatore non ha perso la grinta che lo contraddistingue.

Live Non è la D’Urso, dopo il dramma parla la figlia dell’ex calciatore Bellugi: “Mio padre ha perso le gambe”.

fonte: Instagram, @livenoneladurso

Per la prima volta davanti alle telecamere di “Live – Non è la D’Urso”, la moglie e la figlia di Mauro Bellugi hanno raccontato il dramma vissuto dalla loro famiglia nelle ultime settimane. L’ex calciatore, positivo al Covid, ha dovuto subire l’amputazione di entrambe le gambe.

Il 4 Novembre mio marito ha cominciato ad avere dolore alle gambe. Questo dolore è diventato così allucinante che Mauro, anche se è una persona che tollera molto bene il dolore, ha cominciato a soffrire e a lamentarsi molto“, ha dichiarato la moglie iniziando a raccontare la vicenda.

L’ex campione dei mondiali, risultato negativo ad un primo tampone rapido, si è poi sottoposto ad un secondo tampone risultato positivo. La situazione, tuttavia, dopo essersi aggravata ha richiesto il suo ricovero in ospedale: oltre alle complicanze dovute al Covid, infatti, all’uomo si è palesato un problema alle gambe.

La situazione era molto particolare e a causa di moltemplici piccole ischemie ai vasi capillari, la circolazione negli arti inferiori era compromessa“, ha specificato la figlia, “secondo i medici l’unica situazione sarebbe stata l’amputazione di entrambi gli arti“.

Il dramma di un calciatore che ha perso le sue gambe, è stato poi raccontato da Bellugi stesso che, in diretta dall’ospedale, ha parlato di quanto accadutogli.

L’uomo, ancora ansimante a causa delle complicanze del coronavirus che ha colpito i suoi polmoni, ha mostrato la sua forte tempra e il suo non perdersi d’animo raccontando apertamente quanto ha vissuto nelle ultime tre settimane.

 

Non sono ancora diffusi studi sugli effetti dell’anestesia nei malati di Coronavirus e quindi mi hanno dovuto operare senza anestesia: mi sono state somministrate solo alte dosi di morfina per rendere tollerabile il dolore“, ha detto Mauro in collegamento con l’amica e conduttrice Barbara.

Mia figlia vuole per me delle protesi moderne come quelle di Zanardi o di Pistorius ma con quelle sembrerei un canguro!“, ha continuato ironizzando l’ex calciatore che non si è perso d’animo.

Quanto accaduto cambierà per sempre la sua vita, ma anche quella di sua moglie e di sua figlia che, però, sono contente di poter parlare ancora con il loro caro e che questi stia combattendo con grande forza e tantissimo coraggio.

Dopo neanche un mese dall’intervista, il 21 Febbraio, a Live – Non è la D’Urso, l’ex calciatore è stato commemorato con un lungo applauso. Bellugi, infatti, non ce l’ha fatta e si è spento il 20 Febbraio.

E voi Unimamme, conoscevate questa storia? Che ne pensate?