Gravidanza e vaccino Covid: cambia il parere e il consiglio delll’OMS

L’Oms ha modificato le linee guida per il vaccino anti Covid per le donne in gravidanza.

donne in gravidanza vaccino anticovid

Unimamme, ormai da alcune settimane sono partite le prime vaccinazioni anti Covid.

Inizialmente l’OMS aveva consigliato alle donne in gravidanza di fare il vaccino solo in caso fossero esposte ad alti rischi, come per esempio gli operatori sanitari.

OMS e vaccini: cosa dicono gli esperti

vaccino Covid gravidanza
vaccino Covid in gravidanza

 

Ora però la nota agenzia ha cambiato idea, forse a causa delle polemiche degli esperti americani che avevano sottolineato come l’indicazione dell’Oms presentasse delle discrepanze con le linee guida dei Centers for Disease Control and Prevention, causando confusione nelle donne incinte.

Sui benefici del vaccino anti covid in gravidanza si era espressa anche la dottoressa Galliano, rassicurando le mamme.

A ogni modo il cambio di rotta dell’Oms riguarda le raccomandazioni per il vaccino Moderna.  Nella pagina dedicata infatti si può leggere: “non abbiamo alcun motivo per credere che ci saranno rischi specifici che superino i benefici della vaccinazione nelle donne in gravidanza”.

La vaccinazione anti Covid, continua ad essere raccomandata per:  “donne incinte ad alto rischio di esposizione a Sars-Cov-2 (es. operatori sanitari) o che hanno comorbidità che si aggiungono al rischio di malattia grave” che “possono essere vaccinate su consulto del proprio medico”.

Per quanto riguarda, invece, il vaccino Pfizer-Bion Tech, non è stato pubblicato alcun aggiornamento. A causa dei dati insufficienti l’OMS al momento non raccomanda la vaccinazione delle donne in gravidanza, rimandando al medico la possibilità di prendere in considerazione la vaccinazione ““nel caso in cui una donna incinta abbia un rischio inevitabile elevato di esposizione “.

Ricordiamo che le donne incinte sono state escluse nei test clinici tramite i quali è stato dato l’ok agli enti regolatori del vaccino di Pfizer-BioNTech.

LEGGI ANCHE> VIA LIBERA AL VACCINO ANTI COVID: LE INDICAZIONI PER LA GRAVIDANZA

Su tutta la faccenda l’Aifa, l’Agenzia del Farmaco Italiano sui vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech afferma quanto segue: “dovrebbe essere deciso in stretta consultazione con un operatore sanitario, dopo aver considerato i benefici e i rischi“.

Sempre l’Aifa scrive che i dati sull’uso di questi vaccini durante la gravidanza e l’allattamento sono tuttora molto limitati, tuttavia studi di laboratorio su modelli inanimati non hanno mostrato effetti dannosi.

Inoltre “i vaccini non sono controindicati e non escludono a priori le donne in gravidanza dalla vaccinazione, perché la gravidanza, soprattutto se combinata con altri fattori di rischio come il diabete, le malattie cardiovascolari e l’obesità, potrebbe renderle maggiormente esposte a rischi in caso di malattia Covid-19 grave“.

Ultimamente è emerso che le donne in gravidanza sono esposte a rischi più alti di sviluppare gravi forme di Covid-19 e che anche i tassi di mortalità di questa categoria di persone sono più alti rispetto alla restante popolazione.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questo cambiamento?