Scuola e Covid: individuati i principali diffusori del virus e le cause

Un nuovo studio ha confermato chi sono i principali diffusori del virus a scuola.

insegnante in aula
insegnante in aula – fonte Adobe Stock

Unimamme, in passato abbiamo letto tanti studi riguardanti i pericoli corsi dai nostri figli a scuola a causa del Covid.

Oggi vi parliamo di una ricerca incentrata sul ruolo degli insegnanti e degli studenti nella trasmissione del Covid.

Da lunedì 22 febbraio è stata aperta al personale scolastico la possibilità di prenotarsi per la vaccinazione, purtroppo però c’è ancora molta confusione. Inoltre questa opportunità è offerta solo ai docenti fino ai 65 anni.

Nel frattempo, vediamo quali sono stati i risultati dello studio intotolato: “Georgia K-12 School COVID-19 Investigation Tea”.

Scuola e Covid: uno studio sulla diffusione del contagio

alunno
alunno – fonte Adobe stock

La ricerca è stata condotta con la coordinazione dei Centers for Control and Disease americani, in collaborazione con alcuni ricercatori del Cobb and Douglas Public Health e del Dipartimento di Salute pubblica della Georgia.

Ecco come si è svolto questo studio, conducendo un’indagine su:

  • i contagi accaduti tra il 1 dicembre del 2020 e il 22 gennaio del 2021
  • 2600 studenti (l’80% del totale del distretto) e 700 operatori scolastici hanno frequentato l’istituto.

LEGGI ANCHE: LE SCUOLE NON HANNO AUMENTATO I CONTAGI DI COVID: NO ALLA CHIUSURA


In questo periodo c’è stato un aumento dei contagi nella contea di Cobb del 300%, sono infatti passati da 152 a 577.

Gli scienziati hanno trovato 9 focolai con almeno 3 casi collegati. Alla fine sono rimasti coinvolti:

  • 13 insegnanti
  • 32 studenti

Circa una settantina di famiglie sono state sottoposte a tampone e in 18 (il 26%) sono risultati positivi al Covid.

Dopo aver analizzato i vari link epidemiologici i ricercatori hanno stabilito che:

  • 2 su 9 focolai erano partiti dagli insegnanti che si erano contagiati in occasione di pause pranzo, riunioni, ecc…

Da loro poi il virus è stato trasmesso agli studenti, altri focolai sono stati determinati dalla trasmissione insegnante e alunno, in un solo caso è stato lo studente a trasmettere il virus all’insegnante.


LEGGI ANCHE: SCUOLE CHIUSE PER I TROPPI CONTAGI PER LA VARIANTE INGLESE: LA DECISIONE A LIVELLO LOCALE


A causare i vari focolai sono stati:

  • il mancato rispetto del distanziamento fisico
  • non corretto utilizzo delle mascherine

In modo particolare a costituire un fattore di rischio sono le pause pranzo in ambienti stretti. L’unico modo per prevenire nuovi contagi  è quindi:

  • quello di ridurre le interazioni tra gli adulti
  • promuovere il corretto utilizzo delle mascherine
  • riorganizzare gli spazi negli istituti
  • mantenere il distanziamento fisico

Un altro aspetto importante è quello del vaccino.

A suffragare ulteriormente i risultati di questo studio ce ne sono altri, nel Regno Unito e in Francia.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi risultati?