Il podcast dei ragazzi con disabilità: “una finestra sul mondo”, oltre le barriere

Il podcast radiofonico dei ragazzi dell’Istituto Serafico: una finestra sul mondo, oltre la disabilità. Il progetto.

podcast serafico disabilità
Il podcast coloRadio dell’Istituto Serafico di Assisi

Si chiama coloRadio ed è il podcast radiofonico realizzato dai ragazzi dell’Istituto Serafico di Assisi. Si tratta di un progetto educativo, riabilitativo e creativo per facilitare la conoscenza ed il confronto relazionale.

Uno strumento che attraverso la formula coinvolgente e partecipativa del laboratorio radiofonico e la forza inclusiva della musica promuove il benessere psicofisico e sociale della persona, valorizzando le singole personalità e l’autenticità espressiva. Per i ragazzi del Serafico è una finestra sul mondo che permette di superare le barriere della disabilità e offre opportunità di partecipazione sociale, penalizzate da questo drammatico anno di pandemia.

Il podcast ha fatto il suo debutto l’11 marzo e ha un programma settimanale, con musica, notizie, curiosità e rubriche tematiche, condotto dagli speaker d’eccezione del Serafico.


LEGGI ANCHE: ECONOMY OF FRANCESCO: INCLUSIONE, SOSTENIBILITÀ E RUOLO DELLE DONNE


Il podcast radiofonico dei ragazzi con disabilità dell’Istituto Serafico

L’Istituto Serafico di Assisi, che dal 1871 si occupa della riabilitazione di bambini e ragazzi con disabilità plurime, ha appena lanciato il podcast radiofonico coloRadio, condotto dai suoi ragazzi.

Il podcast è un progetto educativo ambizioso che ha l’obiettivo di ampliare le attività dei propri laboratori di musica e teatro, ma vuole essere anche una nuova finestra sul mondo, capace di restituire agli ospiti dell’Istituto importanti opportunità di partecipazione sociale, penalizzate in quest’ultimo drammatico anno di pandemia di Covid-19. L’esperienza del laboratorio radiofonico ha permesso ai ragazzi di mettersi alla prova giocando a fare i dj e ha generato in loro numerosi effetti positivi, soprattutto in termini di apprendimento, socializzazione ed inclusione. Grazie al podcast le diversità scompaiono, i limiti si annullano e le personalità emergono, valicando le barriere della disabilità.

Non solo, coloRadio è anche un modo per entrare al Serafico e ascoltare la voce dei suoi bambini e ragazzi, degli operatori, delle famiglie e di tutta la sua comunità.

L’obiettivo del Serafico è quello di prendersi cura dei più fragili continuando a crescere nei servizi, per garantire ai suoi ragazzi quella sintesi fra eccellenza nella cura, relazione e rispetto per la persona, in grado di trasformare un percorso riabilitativo in un percorso di vita piena.

I ragazzi del Serafico, con la guida di operatori e professionisti radiofonici, coloreranno le giornate degli ascoltatori con un ricco programma settimanale, fatto di musica, notizie, curiosità e rubriche tematiche. Una vera e propria avventura che permetterà ai conduttori di vivere nuove emozionanti esperienze, farsi conoscere e far conoscere al pubblico i tanti ospiti delle loro dirette.

Il podcast coloRadio  può essere ascoltato da tutti online su: https://www.spreaker.com/user/coloradio.serafico

Con il supporto degli educatori Stefano Tufo e Fabrizio Benincampi e il supporto tecnico di Francesca Quaglietti, speaker professionista di Radio Subasio, i ragazzi del Serafico sono riusciti a produrre dei veri e propri prodotti di audio entertainment, che potranno essere condivisi ed ascoltati ben al di là dei confini dell’Istituto. Soprattutto il podcast permetterà alle famiglie dei ragazzi di sentire più vicini i propri figli, in un momento storico che impone il distanziamento fisico per tutelare la salute di tutti, in particolare delle persone più fragili.

podcast serafico
Fonte: Istituto Serafico

Francesca Di Maolo, Presidente dell’Istituto Serafico, ha dichiarato:  “ColoRadio rappresenta una nuova finestra sul mondo che abbiamo voluto aprire per i ragazzi di cui ci prendiamo cura ogni giorno. È una nuova via per renderli protagonisti, per dar voce alle loro emozioni e ai loro interessi.  In questo momento di pandemia il podcast radiofonico del Serafico diventa ancora più importante perché è un ponte verso l’esterno, una porta aperta sull’Istituto che consente a tutti di continuare a vivere la nostra quotidianità“.

Accanto alla voce dei ragazzi – ha proseguito Di Maolo – avremo modo di ascoltare quella delle persone che lavorano per loro. Una testimonianza importante per tutti, che esprime il nostro modo di intendere il prendersi cura in una relazione che consente un continuo scambio di emozioni e vissuti. ColoRadio sarà l’occasione per ascoltare il mondo attraverso gli occhi e il cuore di chi lo sa amare fino in fondo. I nostri ragazzi hanno forse dei limiti fisici e sensoriali, ma sono aperti alla vita sempre e in ogni circostanza. Sono certa che l’ascolto di questo podcast sarà terapeutico per tanti e ci aiuterà ad abbattere le numerose barriere che costruiamo verso l’altro e nella vita di tutti giorni“.

Entusiasmo per il progetto è stato manifestato anche dai genitori dei ragazzi coinvolti nella realizzazione del podcast. “Io e mia moglie non vediamo l’ora di ascoltare coloRadio, il podcast del Serafico“, ha raccontato Gianpietro, papà di Silvia, una dei ragazzi del Serafico. Sull’esperienza della figlia ha detto: “Per lei è una finestra sul mondo dell’immaginazione e questo tipo di attività la rende veramente felice perché riesce a  sentirsi importante e vive preziose occasioni di confronto e relazione insieme ai suoi amici. Sentire Silvia così contenta e coinvolta ci rende pieni di orgoglio e per noi è il regalo più grande, in attesa di poterla riabbracciare“.

L’esperienza del podcast, all’interno degli ambienti radiofonici creati ad hoc, ha permesso ai ragazzi di vivere un processo pedagogico di crescita e di sviluppo della persona, finalizzato a rendere armonico il rapporto tra corpo, parola, mente e spirito nella relazione con gli altri, se stessi e la propria creatività interpretativa e rappresentativa, promuovendone il benessere globale.

Da un punto di vista riabilitativo ed educativo, ha assunto un ruolo centrale il fatto di dover interagire con l’altro, di poter procedere a piccoli passi nel rispetto dei tempi e dei turni, di potersi riascoltare. Inoltre, i ragazzi hanno sviluppato la consapevolezza di poter essere ascoltati da altri, vicini o lontani, persone conosciute e care ma anche estranee. Questo ha permesso di attivare processi positivi in cui è emersa la “motivazione al fare” anche in condizioni di particolare difficoltà, incrementando il livello di partecipazione attiva dei ragazzi coinvolti. Come ha spiegato l’Istituto Serafico.


LEGGI ANCHE: VACCINAZIONI COVID, GOVERNO SOTTO ACCUSA PER UNA GRAVE DIMENTICANZA


podcast serafico disabilità
Fonte: Istituto Serafico