Nome e santo del giorno: il 5 aprile è l’onomastico di Vincenzo

Il 5 aprile è l’onomastico di chi si chiama Vincenzo. Scopriamo il significato del nome e la vista del santo ricordato oggi.

bambino nome vincenzo

Il nome deriva dal latino e vuol dire “vittorioso”, “vincente”.

Chi porta questo nome è una persona creativa, socievole e molto disponibile con le persone a lui care.

Varianti del nome:

  • Vicenzo
  • Vincenzino
  • Vicenzino

Simboli associati al nome:

  • Colore: Rosso
  • Metallo: Oro
  • Numero fortunato: 6
  • Pietra: Rubino

LEGGI ANCHE: NOMI MASCHILI CON LA V, I PIU’ BELLI E SIGNIFICATIVI

Santo del giorno: San Vincenzo Ferrer

Il 5 aprile si ricorda la vita di San Vincenzo Ferrer o Ferreri.

Vincenzo nasce a Valencia in Spagna nel 1350 da una famiglia nobile.

Siamo nel periodo del grande scisma d’Occidente, iniziato con la morte di papa Gregorio XI nel 1378 e durato 39 anni, in cui la Chiesa arriva ad avere 2 papi, Urbano VI e Clemente VII, il primo a Roma e uno ad Avignone.

Diventa frate domenicano da giovanissimo, e poi insegnante di teologia e filosofia. Collabora sin dai primi anni dello scisma con il cardinale Pedro de Luna, braccio destro del Papa di Avignone.

Nel 1394 Pietro de Luna divenuto Papa ad Avignone lo nomina suo confessore e penitenziere apostolico. Vincenzo rinuncia però alla nomina a Cardinale.

Nel 1398 si ammala ed ha una visione nella quale Gesù gli chiede di partire e conquistare molte anime.  Vincenzo guarisce e parte per Spagna, Svizzera e Francia. Predica in giro per 20 anni raggiungendo milioni di fedeli, autodefinendosi nelle sue prediche “l’angelo dell’Apocalisse”.

Si racconta che questo frate nonostante parlasse solo il valenciano venisse compreso da tutti i presenti, per intervento dello Spirito Santo.

Vincenzo si impegna per ricomporre lo scisma, convincendo anche il papa avignonese a rinunciare al papato e a favorire l’elezione di un nuovo vescovo di Roma.

Muore mentre in viaggio a Vannes, in Bretagna, nel 1419, all’età di 69 anni.

Viene proclamato santo nel 1458 da papa Callisto III per i numerosi miracoli a lui attribuiti. Tra questi due in particolari: l’aver fatto piovere sui campi in un periodo di dura siccità e l’aver salvato un muratore da una caduta.

Per questo motivi è patrono dei muratori e dei costruttori.

Unimamme, conoscevate la vita di questo santo?

Lascia un commento