Nome e santo del giorno: il 7 aprile è l’onomastico di Giovanni

Il 7 aprile è l’onomastico di chi si chiama Giovanni. Scopriamo il significato del nome e la vita del santo ricordato oggi. 

bambino nome giovanni

Il nome deriva dell’ebraico e significa “Dio ha avuto misericordia” o “dono del Signore” e nel passato veniva dato ai figli lungamente attesi.

La persona che si chiama è molto simpatico e socievole, ma lunatico.

Varianti del nome:

  • Gino
  • Gianni
  • Nanni
  • Giannetto
  • Vanni
  • Ivano

Simboli associati al nome:

  • colore: giallo
  • metallo: oro
  • numero fortunato: 5
  • pietra: topazio

LEGGI ANCHE: NOMI MASCHILI CON LA G, I PIU’ BELLI E SIGNIFICATIVI

Santo del giorno: oggi è San Giovanni Battista De La Salle

Il 7 aprile si celebra la vita di San Giovanni Battista de La Salle, sacerdote e pedagogista.

Giovanni nasce a Reims in Francia il 30 aprile del 1651 in una famiglia nobile numerosa, primogenito di 10 figli.

Si laurea in lettere e filosofia e diventa sacerdote a 26 anni nel 1678. Due anni dopo prende anche il dottorato in teologia.

Fonda scuole parrocchiali gratuite per bambini poveri a Reims. Conosce e collabora Adriano Nyel in attività legate all’istruzione popolare e nelle scuole. Notando che i maestri non erano motivati o competenti decide di dedicarsi a loro, formandoli e riorganizzando le lezioni. Abolisce il latino e li convince ad utilizzare come lingua ufficiale il francese. 

Nel 1680 nasce la comunità dei “Fratelli delle Scuole Cristiane“, prima congregazione laica, nelle quali i maestri in genere non sono sacerdoti perché Giovanni li vuole vicini al mondo, ma dedicati agli studenti. Viene molto contrastato dall’alto clero ma non si arrende e apre diverse scuole, anche serali, per adulti, per maestri, per ragazzi di strada, per i lavoratori, per i carcerati.

Scrive diversi libri sull’educazione e trattati per insegnanti e studenti, rivoluzionando di fatto la pedagogia. Tra le innovazioni, oltre all’abbandono del latino, ricordiamo il passaggio da lezioni individuali alle lezioni collettive. Inoltre ha voluto che le scuole primarie fossero gratuite.

Muore a Saint-Yon, presso Rouen, il 7 aprile del 1719, lasciando ben 23 case e 10 mila allievi. Per il suo funerale giungono 30 mila persone.

Viene canonizzato da Papa Leone XIII nell’anno 1900.

Dal 1950 è patrono degli insegnanti e degli educatori.

Unimamme conoscevate la vita di questo santo? Vi piace il nome?