Nuovo Bonus di 50 euro una tantum (perché rinunciarci?): ottima iniziativa per le famiglie

In arrivo un bonus da 50 euro per molti italiani: manca sempre meno alla sua ufficialità, cosa conviene sapere nel frattempo.

Manca poco alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto che prevede l’erogazione di un bonus di 50 euro una tantum per una determinata categoria di cittadini. Si tratta di un aiuto di cui è bene approfittare, vista la situazione economica attuale non proprio florida per molti. Il sostegno messo a disposizione dagli ex ministri Roberto Speranza e Daniele Franco con la Legge di Bilancio 2021, riguarda coloro che fanno uso di occhiali o lenti a contatto.

Bonus 50 euro
Bonus 50 euro come richiederlo (Credits: Canva)

Chi avrà acquistato tali dispositivi medici tra il 1° gennaio dell’anno scorso e il 31 dicembre 2023, potrà usufruire di questa agevolazione che rientra tra le misure previste per far fronte alle difficoltà causate dalla pandemia. Parliamo del “Fondo per la tutela della vista” per il quale sono stati stanziati 5milioni di euro per ciascun anno tra il 2021 e il 2023. Il Garante per la privacy ha espresso parere positivo sul disegno del decreto e nella newsletter ha specificato che ci sono due modalità per ricevere il contributo.

Una è il rimborso per coloro che hanno già comprato gli occhiali o le lenti; l’altra è sotto forma di voucher per gli acquisti ancora non effettuati. Il decreto diventerà esecutivo soltanto dopo 60 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi al momento non è ancora possibile inoltrare la domanda. Vediamo nel dettaglio chi potrà richiedere il bonus e come procedere per ottenerlo.

Come richiedere il Bonus occhiali e lenti a contattoda 50 euro e chi ne ha diritto

Per usufruire dei 50 euro una tantum previsti dal Bonus occhiali, è necessario un ISEE pari o al di sotto dei 10mila euro. Sia per i rimborsi che per i voucher, la procedura per la domanda prevede la registrazione sulla piattaforma del Ministero della Salute, tramite SPID, Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi nella sezione apposita.

L’Inps verificherà e valuterà l’idoneità del richiedente e in caso positivo il bonus sarà elargito sotto forma di voucher sempre sul sito. Si avranno 30 giorni di tempo per utilizzarlo presso i centri accreditati. Nel caso dei rimborsi, sarà necessario dimostrare l’acquisto con fattura o altra “documentazione commerciale” e fornire il proprio IBAN per ricevere il contributo.

Le osservazioni del Garante per la tutela dei dati personali sono di fondamentale importanza visto che la procedura da seguire per l’istanza implica la trasmissione di informazioni personali all’Agenzia delle Entrate. Ora che è arrivato l’ok dell’Autorità per la privacy, non resta che attendere che sia reso disponibile sul sito del Ministero la sezione per inserire la domanda.

Bonus 50 euro
Bonus 50 euro a chi spetta (Credits: Canva)

Continuate a restare aggiornati sulle novità riguardanti i tanti bonus in arrivo.