Non fare questi errori quando devi friggere: ti spiego perché sbagli

Friggere è una delle cotture più semplici, veloci e saporite: non fare questo errore, ti spiego perché sbagli e rischi di rovinare tutto

Natale si avvicina e in questo periodo dell’anno e durante questa festività ci capiterà sicuramente di dover friggere alcune delle nostre pietanze. Da tradizione, infatti, alcuni dei piatti più amati si preparano proprio con questo tipo di cottura. Basti pensare ai classici struffoli o ad alcune pietanze di pesce. Non fare questi errori quando devi friggere: ti spiego perché sbagli.

errori friggere
attenzione friggere (Credits pixabay)

Abbiamo detto che questo tipo di cottura è semplice e veloce, su questo non ci sono dubbi. Ma bisogna fare attenzione, non significa che si tratti di un metodo infallibile. Rischiamo, infatti, di rovinare il risultato finale e così la nostra pietanza che non avrà il sapore eccezionale e sfizioso che ci aspettiamo. Andiamo allora a vedere quali sono gli errori da evitare.

Attenzione a questi errori se devi friggere: rischi di rovinare i tuoi cibi

Non vogliamo annoiarvi parlando della scelta dell’olio, del recipiente e così via. Ognuno ha i suoi metodi e le sue preferenze, come giusto che sia. Ci sono dei dettagli, però, che dovremmo sempre tenere a mente se non vogliamo ritrovarci con una pietanza ben diversa da quella che ci aspettavamo.

Molti, infatti, sbagliano senza volerlo, ovviamente e senza rendersene conto. Vi è capitato di ritrovarvi con alimenti bruciati o, peggio, cotti fuori e ancora crudi all’interno? Per non parlare di quando si impregnano di olio e diventano mollicci! Andiamo a vedere perché succede e come evitarlo.

friggere olio
errore friggere olio (credits pixabay)

Prima di tutto, l’olio. O, meglio, la sua temperatura. Non stiamo dicendo che dovete comprare o tenere a portata di mano un termometro da cucina ogni volta che friggete. Ma sbagliare la temperatura rovinerà la cottura dei cibi. Se, infatti, l’olio sarà troppo caldo, bruceranno fuori rimanendo gelidi e crudi all’interno. Al contrario, si inzupperanno d’olio finendo per diventare molli e perdere di croccantezza. Per capire se l’olio ha raggiunto la temperatura ottimale, basterà lasciar cadere un pezzetto di ingrediente al suo interno. Se tornerà a galla facendo schiuma, siamo pronti. Se è troppo caldo il pezzetto brucerà subito. Sposteremo quindi la padella dalla fiamma e lo lasceremo raffreddare un po’ prima di procedere.

Passiamo al secondo errore. Capita soprattutto quando dobbiamo cuocere una grande quantità di cibo. Che si tratti appunto degli struffoli o di patatine fritte. Man mano, tra una porzione e l’altra, l’olio diminuisce perché assorbito dagli ingredienti. Molti si limitando ad aggiungerlo e riprendono a friggere. Si tratta di uno sbaglio. L’olio che accorpiamo ha una temperatura diversa, ciò significa che andrà a raffreddare quello in padella. Dobbiamo quindi spostare la padella dalla fiamma, lasciar raffreddare il nostro olio, aggiungere il nuovo e scaldare di nuovo il tutto.