Il dramma di Riccardo Fogli: “I guai erano…”, una situazione terribile

Il dramma di Riccardo Fogli: “I guai erano…”, una situazione terribile; il doloroso retroscena che non tutti conoscono sull’artista.

È uno dei cantautori più amati del nostro Paese, componente dei Pooh dal 1966 al 1973. Parliamo proprio di lui, Riccardo Fogli, una delle voci più belle del panorama musicale italiano. E, da diversi anni, protagonista anche di molte trasmissioni tv, da Music Farm a Tale e Quale Show, fino a Il Cantante Mascherato, e non mancano i reality show.  Dopo l’esperienza a L’Isola dei famosi nel 2019, Riccardo Fogli è pronto a mettersi in gioco nella casa del GF Vip.

riccardo fogli dramma
Riccardo Fogli (Credits Mediaset Infinity) – Universo mamma

L’artista è entrato nella casa del GF Vip proprio nel corso della puntata di ieri, lunedì 12 dicembre 2022, insieme a Milena Miconi, ma non saranno gli unici nuovi vipponi ad unirsi al cast del programma, che, ricordiamo, terminerà ad aprile. Come tutto il resto dei concorrenti, anche Riccardo avrà la possibilità di raccontarsi, nel corso della sua permanenza nella casa più spiata della tv, condividendo col pubblico anche i ricordi meno piacevoli. Non tutti lo sanno, ma nel passato del cantautore non ci sono soltanto momenti felici.

Riccardo Fogli, il dramma che non tutti conoscono riguarda il suo passato

Una carriera ricca di straordinari successi, quella di Riccardo Fogli, sia negli anni da frontman e bassista dei Pooh, sia come solista. Successi indimenticabili, come la vittoria al Festival di Sanremo nel 1982, col brano Storia di tutti i giorni. Una vittoria che, non tutti lo sanno, è arrivata in un periodo per niente florido per il cantautore. A parlarne è stato proprio lui, in una lunga intervista rilasciata a Il Corriere della sera qualche mese fa.

Senza filtri, l’artista parla di quelli che definisce ‘guai’, arrivati prima del trionfo al Festival: “Non avevo più soldi, solo cambiali. Il produttore Alfredo Cerruti, ex di Mina, mi prestò 5 milioni di lire per comprarmi uno smoking, due camicie e due paia di scarpe. “Almeno fammi fare bella figura guagliò””. Il cantautore, però, sottolinea come vincere Sanremo non equivalga a vincere al Superenalotto: “Non ci diventi ricco, al massimo hai la possibilità di lavorare, infatti feci 150 concerti. Ma dopo quattro anni stavo da capo a dodici”.

Dopo il boom di Sanermo, un nuovo periodo ‘no’ per Riccardo Fogli, che racconta: “Nessuno si ricorda mai di chi ha vinto Sanremo. Mi serviva un po’ di promozione. La mia discografica di allora, Caterina Caselli, fu schietta: “Signor Fogli i giornalisti dicono che si fa fatica a intervistarla, troppo bravo e bello per risultare anche intelligente. Non ha nemmeno una cicatrice sulla faccio. E io “Se crede mi butto da cavalo””

riccardo fogli retroscena
Riccardo Fogli su Instagram (Credits Instagram) – Universo mamma

Nell’intervista, Riccardo Fogli parla anche delle sue umili origini e di come ha vissuto la sua condizione ai tempi della scuola. Siamo certi che, al GF Vip, il cantautore potrà rivelare tanto di sé durante le chiacchierate con Alfonso Signorini. Non perdetevi le prossime puntate del reality show.