Scoperta salvavita, la ricerca tutta italiana: “Nuova speranza per i bambini malati gravi”

La ricerca tutta italiana: “Nuova speranza per i bambini malati gravi”, la scoperta salvavita pronta a cambiare il mondo

I progressi in ambito scientifico e soprattutto medico sono quelli che in questi anni hanno di sicuro fatto giganteschi passi avanti. Lo studio e le ricerche scientifiche correlate hanno permesso agli studiosi di tutto il mondo di riuscire a debellare malattie importanti, limitare i danni di altre, mentre altre sono ancora in fase di ricerca e sviluppo.

ricerca scientifica
Ricerca italiana, svolta medica – universomamma

Gli studi e le svolte in campo medico richiedono sicuramente del tempo affinché tutto sia condotto in modo accurato per ridurre quasi allo zero l’errore. E ridurre naturalmente le percentuali di rischio. Se ci mettiamo a pensare ai risvolti positivi in campo medico, siamo di sicuro consapevoli che da una scoperta ad un’altra sono trascorsi anni. Proprio perché, ogni ricerca richiede un effettivo tempo in cui svolgere la specifica indagine. La recente scoperta sull’autismo ha permesso di fare grandissimi passi avanti per offrire il miglior sostegno possibile a quanti siano affetti da questo disturbo. Ma come sappiamo, le ricerche scientifiche in campo medico non si fermano mai. Ed ecco che a catturare l’attenzione delle comunità scientifiche è una ricerca tutta italiana che ha fatto una vera e propria scoperta ‘salvavita’.

La ricerca italiana in campo medico che da speranza ai bambini con malattie gravi

Una ricerca italiana segna una vera e propria svolta in ambito medico. Un team di ricerca italiano sito in Francia, ha condotto uno studio che lo ha portato direttamente ad una scoperta sconvolgente. Capitanato dal Professor Daniele De Luca, medico ordinario del reparto di Neonatologia all’Università Parìs Saclay, il team è stato in grado di risalire alla scoperta di un macchinario in grado di provvedere a ripulire il sangue da cellule malate e tutte quelle sostanze tossiche nei corpicini dei bimbi le cui condizioni di salute versano in uno stato grave.

medici
Scoperta scientifica del team italiano – universomamma

Con questo macchinario sarò possibile riuscire ad offrire sostegno a bambini nati con asfissia, che abbiano avuto un arresto cardiaco o che ancora siano affetti da malattie metaboliche. Il trattamento è stato già messo in opera all’interno del reparto intensivo neonatale dell’ospedale Antoine Béclère, dove il dottore De Luca si è già ritenuto piuttosto soddisfatto dei primi risultati venuti fuori dopo aver messo in pratica i primi trattamenti. In tal caso, trattandosi di cure piuttosto delicate, ci si è assicurati di attorniare i bambini di un personale medico esperto. Ma come funziona il trattamento?

La procedura salvavita che aiuta i bambini

La procedura prevede che attraverso l’utilizzo del suddetto macchinario si possa provvedere a ripulire il sangue dalle sostanze tossiche. Questo viene prelevato dal cuoricino del bimbo per essere poi sottoposto ad un processo di depurazione che avviene attraverso un circuito extracorporeo.

cure bambini
La procedura effettuata dall’equipe – universomamma

Nel cuore del piccolo viene sistemato un catetere e ne vengono naturalmente monitorati i parametri vitali per assicurarsi che durante il processo nulla sia lasciato al caso e la situazione sia tenuta tutta sotto controllo. Una volta depurato, il sangue ritorna nuovamente nel corpicino del piccolo. Il metodo ideato dal dottore De Luca e dal suo Team ha permesso di compiere davvero passi da gigante in campo medico al fine di provvedere ad offrire le migliori cure anche a bambini piccolissimi che in altri casi, così fragili sarebbero stati in enorme difficoltà.