Legge 104, grossa novità su congedi e permessi: cambiamento attesissimo dagli aventi diritto

L’Inps aggiunge delle novità nell’attuazione della legge 104, per rendere più facile la vita a chi deve occuparsi di persone disabili.

Chi ha una persona disabile in casa sa quanto sia importante “la cura” e sa anche perfettamente quanto a volte sia difficile, lavorando, conciliare tutto. Al di là del fatto che ci si possa permettere o meno di pagare qualcuno che lo faccia al posto nostro, non bisogna trascurare il lato affettivo che ci porta a volercene occupare soprattutto personalmente. A tal proposito nel 1992 è stata introdotta dallo Stato la legge 104 che permette ai lavoratori subordinati, che abbiano un familiare con problemi di disabilità, di poter prendere un certo numero di ore di permessi retribuiti e dei giorni di congedo straordinario sempre retribuito.

Le novità della legge 104 per assistenza disabili
Assistenza ai familiari disabili-novità per i permessi ai lavoratori subordinati-universomamma.it

I lavoratori subordinati, sia nell’ambito pubblico che privato, che abbiano un familiare disabile hanno diritto a : due ore al giorno di permesso retribuito, se l’orario di lavoro è uguale o superiore alle sei ore o di un’ora se l’orario è meno di sei ore; in alternativa possono decidere di usufruire di tre giorni di permesso al mese per facilitare  le operazioni di cura del familiare disabile. Questi permessi vengono retribuiti direttamente dall’INPS o anticipati dal datore di lavoro. L’Unione Europea ha richiesto ai vari Paesi di migliorare la legge 104 equilibrando il rapporto tra il lavoro e l’assistenza  in modo che, il gravoso compito per il lavoratore sia alleggerito.

Vediamo le novità che l’ INPS ha inserito in questi giorni in merito alla Legge 104

La Circolare nr 39 del 4 Aprile emanata dall’INPS, ci spiega quali nuovi elementi sono stati inseriti per migliorare la Legge 104. Tali novità sono state immesse per l’appunto per la necessità di rendere più equilibrato il rapporto tra il lavoro del dipendente che deve prendersi cura di un familiare disabile e l’assistenza stessa. Novità molto importante è la figura  del referente unico dell’assistenza che non è più presente: precedentemente non era possibile usufruire del giorno di permesso per l’assistenza a più persone ora viene sancito il diritto che due persone che assistano lo stesso familiare disabile possano richiedere il permesso alternativamente.

Aggiornamenti legge 104,novità su permessi e congedo straordinario
La circolare 39 dell’Inps annuncia novità per la legge 104-universomamma.it

Altro miglioramento della legge riguarda il congedo straordinario: il convivente viene introdotto come figura che può richiedere il congedo straordinario esattamente come il coniuge. I conviventi di fatto, giuridicamente, sono  persone maggiorenni che convivono in maniera stabile, legati da rapporti affettivi e di reciproca assistenza senza avere vincoli di parentela. L’INPS potrà accertare la stabilità della convivenza tramite la dichiarazione anagrafica.

Impostazioni privacy