Nevi rossi | Cosa sono, come riconoscerli e quando preoccuparsi secondo i dermatologi

Se quando vedi un neo diverso dal solito ti spaventi subito, può essere utile imparare a riconoscere i nevi rossi: ecco cosa sono

Osservare spesso la propria pelle e quella dei propri figli è molto importante poiché solo in questo modo si può notare un eventuale cambiamento. Uno degli aspetti da tenere maggiormente in considerazione è quello dei nei: sebbene nella maggior parte dei casi siano benigni, c’è una minima percentuale che non lo è e che quindi richiede un pronto intervento del dermatologo. Caso a parte è quello dei nevi rossi: ecco di cosa si tratta.

Nevi rossi: cosa sono
Nevi rossi: cosa sono e quando preoccuparsi (Universomamma.it)

Chiamati nevi o nei rossi, quelle macchie color rubino che spesso vediamo comparire sulla pelle non sono altro che angiomi: si tratta di formazioni tumorali benigne che originano da cellule dei vasi sanguigni. Possono comparire a qualsiasi età e, normalmente, hanno delle dimensioni comprese tra i 2 e i 5 millimetri, dalla forma tondeggiante. Ecco però quando è il caso di preoccuparsi e cosa si deve fare: tutte le informazioni utili.

Nevi rossi, quando preoccuparsi

Nella maggior parte dei casi, i nei rossi si formano a causa di alterazioni genetiche all’interno di una cellula endoteliale di un capillare. Sono formazioni benigne, quindi, determinate da motivi genetici, cause ormonali, frequente esposizione ai raggi UV o ai raggi solari in generale, prolungata esposizione a sostanze chimiche o presenza di alcune patologie specifiche.

Nevi rossi: cosa sono
Nevi rossi: cosa sono e quando preoccuparsi (Universomamma.it)

Di fatto, così come per i nei classici, bisogna allarmarsi quando si verificano dei cambiamenti nella forma, nel colore, nel numero presente sul corpo. Innanzitutto, è bene osservarli frequentemente e, se serve, fargli qualche foto con cadenza periodica: in questo modo, si può controllare la loro forma. Ovviamente, poi, ci si deve allarmare se sanguinano, se prudono o se diventano improvvisamente dolorosi, così come se si moltiplicano nel giro di poco tempo.

In tutti questi casi è bene contattare il proprio medico di fiducia, il quale indicherà una visita dermatologica specifica. Lo specialista, quindi, verificherà lo stato dei nevi rossi e di tutti gli altri nei mediante una visita accurata e procederà nel consigliare la via migliore, a seconda di ciò che diagnostica. In ogni caso, è bene evitare di fare da sé o di autodiagnosticarsi dei malanni: nel caso abbiate molti nei, prenotate una volta all’anno una mappatura completa così da tenerli sotto controllo con l’aiuto di uno specialista.