sorelle uccidono il padre

Tre sorelle adolescenti hanno ucciso il padre a coltellate. L’uomo aveva abusato di loro per anni.

un efferato omicidio

Tre sorelle adolescenti, Kristina Khachaturyan, di 19 anni, la sorella Angelina si 18 e Maria di 17 rischiano fino a 15 anni di carcere per aver ucciso a coltellate il padre che abusava di loro da anni.

Le sorelle l’avrebbero fatto dopo anni di tirannie e violenze, anche a carattere sessuale.

Tutte e tre le sorelle hanno ammesso di aver ucciso il padre con diverse coltellate.

L’uomo era un eroinomane legato al mondo criminale.

Kristina  ha raccontato alla polizia: “lo odiavamo, volevamo che sparisse e non averlo mai conosciuto”.

Le sorelle hanno raccontato che il giorno dell’attacco l’uomo le aveva minacciate col coltello nel loro appartamento vicino all’autostrada  Altufievskoe“, vicino a Mosca.

Una delle sorelle è riuscita ad afferrare il coltello e l’ha colpito. Le altre l’hanno imitata.

Il padre delle giovani ha tentato di scappare, ma è deceduto vicino all’ascensore.

Il fatto che fosse un individuo tirannico è stato confermato anche dai vicini.

Sua moglie l’ha lasciato a causa dei maltrattamenti.

Un’amica di famiglia ha aggiunto che era a conoscenza del fatto che le ragazze venissero sessualmente abusate.

“Lui le picchiava sempre. Una volta le ha portate in una foresta e ha minacciato di ucciderle. La madre è fuggita e lui ha impedito qualsiasi comunicazione con lei. Lui era una specie di boss mafioso”.

A causa delle violenze una delle sorelle ha persino tentato di suicidarsi, in passato.

“Una delle sorelle ha tentato il suicidio, dopo una violenza sessuale, ha preso molte pillole ma è stata salvata dai medici. Il padre li ha persuasi che si trattava di un errore e non di un tentato suicidio”.

Un amico della famiglia ha commentato “cosa avreste fatto al loro posto? Le ragazze erano sempre piene di lividi ma lui era astuto, le picchiava dove non si vedeva “.

Quando il figlio maschio ha portato un amico nell’appartamento il padre ha accusato le figlie di essere andate a letto con lui, tutte e tre.

A quanto pare ci sarebbe anche un audio in cui il padre apostrofa così le figlie. “tutte voi siete p*****e e morirete come tali”.

Elena un’amica di famiglia ricorda un episodio. Quando l’uomo aveva trovato i peli di cane sul tappeto il padre aveva chiamato una delle figlie a cui aveva fatto spazzolare e poi mangiare i peli del cane.

Inoltre aveva messo una telecamera nell’appartamento per sorvegliare le figlie.

Un amico conferma queste notizie: “le ragazze avevano paura di lui, noi permetteva loro di uscire. Erano felici quando andava via per un viaggio”.

Il fratello, cacciato di casa dal padre, andava a trovare le sorelle di nascosto, mentre la madre si teneva in contatto in segreto con loro.

Sergei, il fratello, ha commentato: “non so cos’è successo, non so cosa credere, non vivo lì da quando ho 16 anni, so che ha costretto mia madre ad andarsene ma non conosco il motivo”.

Nell’auto del padre sono state trovate armi e 2 kg di eroina.

“Durante l’interrogatorio le ragazze hanno ammesso la colpa e hanno detto di averlo fatto a causa delle sofferenze morali subite nel lungo periodo” ha detto la polizia.

Unimamme voi cosa ne pensate di questa storia raccontata sul Daily Mail?

Noi vi lasciamo con la campagna contro la violenza sessuale sulle donne.