Home Figli Salute Allergie alimentari nei bambini 2 cause scoperte dalla scienza

Allergie alimentari nei bambini 2 cause scoperte dalla scienza

CONDIVIDI

allergie alimentari

Le allergie alimentari sono in aumento.

Allergie alimentari: uno studio

Ultimamente sempre più persone soffrono di allergie alimentari, il fenomeno è in aumento in maniera preoccupante in tutto il mondo.

Prima del 2010 le allergie alimentari riguardavano il 2-3% della popolazione più giovane del pianeta, ora invece si è registrata una crescita significativa:

  • l’8% in Gran Bretagna
  • 10% in Australia

 

In Italia i ragazzi e bambini sotto i 18 anni che soffrono di allergie alimentari sono 570 mila:

  • 270 mila bambini tra 0 e 5 anni
  • 180 mila bimbi tra 5 e 10 anni
  • 120 mila tra 10 e 18 anni

Trai i 270 mila bimbi con meno di 5 anni che soffrono di allergie alimentari 5 mila sono a rischio di reazioni allergiche potenzialmente mortali.

Secondo uno studio della Scuola di Medicina Feinberg presso la Northwestern University pubblicato sul The Journal of Allergy and Clinical Immunology, questo fenomeno deve essere associato a una sorta di “tempesta perfetta”.

A causare queste allergie alimentari sono fattori:

  • genetici
  • ambientali

In pratica l’esposizione delle pelle a detergenti senza risciacquo che indeboliscono la barriera lipidica, allergeni in polvere e cibo presente nelle case o sulle mani di chi si occupa dei bimbi.

Si tratta quindi di una ricerca importante perché in questo modo si segnala la necessità di limitare l’uso di salviette per neonati.

Inoltre, è necessario fare attenzione a lavarsi le mani prima di toccare il piccolo.

Il 35% dei bimbi con allergie alimentari soffre di dermatite atopica, ci sono 3 mutazioni genetiche che riducono la barriera cutanea.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi risultati?

Noi vi lasciamo con uno studio da cui risulta che se vostro figlio ha un eczema potrebbe sviluppare allergie alimentari.


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it