Bambina estratta viva dalle macerie: è l’unica sopravvissuta della sua famiglia

bambini dimenticati

Bambina Yemen (Khaled Abdullah/Reuters)

Tra i bambini dimenticati del mondo, nell’indifferenza generale di governi ed opinione pubblica, spiccano su tutti i bambini dello Yemen. Nel Paese è in corso una guerra con pesanti bombardamenti da parte dell’Arabia Saudita che non risparmiano nessuno. Le vittime sono soprattutto civili e tra loro ci sono tantissimi bambini.

Le condizioni precarie dovute al conflitto hanno aggravato la povertà nello Yemen e peggiorato la già difficile situazione sanitaria, scatenando epidemie mortali. I bambini quando non sono vittime dei bombardamenti lo sono della fame e delle malattie. Una situazione inaccettabile, ma che si consuma di fronte all’indifferenza generale.

I bambini dimenticati della guerra in Yemen

Ci siamo già occupati della guerra in Yemen e della tragedia dei bambini yemeniti. Vi abbiamo riportato la denuncia di Amnesty International contro l’Onu, accusato di aver nascosto i crimini di guerra dell’Arabia Saudita sui bambini in Yemen nel suo rapporto annuale Special Representative for Children and Armed Conflict.

Sono anni che i bambini vengono uccisi o feriti nella guerra in Yemen, già nel 2015 ne morivano 3 al giorno a causa delle armi esplosive.

Governi ed opinione pubblica mondiale, quest’ultima forse per le scarse informazioni che giungono dallo Yemen, sembrano impassibili di fronte al dramma del popolo yemenita e dei suoi bambini, uccisi da bombardamenti indiscriminati.

Un dramma che è salito al centro delle cronache in questi ultimi giorni d’agosto a seguito della pubblicazione di una foto terribile, che racconta in tutta la sua durezza la guerra in Yemen e le sue vittime innocenti e più fragili: i bambini dimenticati.

La foto (che vi mostriamo sopra) è stata scattata da Khaled Abdullah, fotografo dell’agenzia Reuters, ed è finita sui giornali di tutto il mondo. Ritrae una bambina di 4 o 5 anni appena estratta viva dalle macerie di un bombardamento. La piccola è scalza, indossa un paio di jeans e una felpa rossa e viene portata in braccio da un uomo.

La bambina si chiama Buthaina Muhammad Mansour, ha gli occhi socchiusi, è rimasta ferita ma è viva. Non ce l’ha fatta invece la sua famiglia. Nel bombardamento aereo che lo scorso 26 agosto ha colpito la sua casa a Sana’a, capitale dello Yemen, sono morti tutti:

  • i genitori,
  • quattro sorelle,
  • il fratellino di 3 anni
  • e lo zio accorso ad aiutare la sua famiglia mentre gli aerei con le bombe stavano arrivando.

La foto di Buthaina estratta dalle macerie della sua casa bombardata, sopravvissuta ad una strage in cui ha perso tutta la famiglia, ha fatto il giro del mondo, sì, ma non è diventata virale come quelle di altre tragedie, ha denunciato il Corriere della Sera. Forse di tragedie ce ne sono troppe o forse la guerra in Yemen è troppo lontana per suscitare quella commozione che porta alle condivisioni compulsive di foto e articoli. Nel frattempo i bambini dello Yemen continuano ad essere ignorati e dimenticati.

Secondo voi unimamme come si può fermare questo scempio?

VIDEO: Buthaina Muhammad Mansour la bambina unica sopravvissuta della sua famiglia da un bombardamento in Yemen

Firma: valeria bellagamba

Notizie Correlate

Commenta