interventi e salute dei bambini

Uno studio ha rilevato dei legami tra interventi medici usati durante il parto, come il cesareo e induzione e malattie a lungo termine dei bambini.

Interventi durante il parto e salute dei bambini: uno studio

I ricercatori della Western Sydney University hanno analizzato la popolazione e dati riguardanti la salute prendendo in considerazione:

  • 491,590 donne in salute  e i loro bambini
  • le mamme selezionate non fumavano o assumevano farmaci
  • le donne erano tra i 20 e i 35 anni
  • le mamme avevano partorito a 37-41 settimane un singolo bambino con un peso normale
  • i bambini sono nati in New South Wales tra il 2000 e il 2008
  • la salute dei bambini è stata seguita nei primi 28 giorni e poi a 5 anni fino al 2013
  • il 50% delle donne era al primo figlio
  • l’88% delle mamme aveva ricevuto antidolorifici durante il travaglio
  • il 43% ha avuto un parto indotto o ricevuto qualcosa per l’aumento
  • l’11% ha fatto un cesareo
  • il 7% ha avuto un cesareo d’emergenza o un’induzione o l’uso di ossitocina

I risultati includono:

  • bambini che hanno sperimentato una nascita grazie a strumenti medici come l’induzione o l’uso di ossitocina hanno rischi più elevati di itterizia e di nutrimento
  • bambini nati col cesareo avevano tassi più alti di ipotermia dopo la nascita
  • bambini nati col cesareo d’emergenza  avevano livelli più alti di disordini metabolici negli anni successivi
  • problemi all’apparato respiratorio, infezioni, disordini metabolici, eczema erano più diffusi tra i bambini che aveva sperimentato una qualsiasi forma di intervento esterno durante il parto

La professoressa Hannah Dahlen della Western Sydney University’s School of Nursing and Midwiferym, sottolinea che lo scopo di questo studio è quello di esaminare l’associazione tra la parte operativa (taglio cesareo) e quella medica (induzione o uso dell’ossitocina nel travaglio) alla nascita e dopo cinque anni dal parto.

La professoressa Dahlen dichiara sul Scimex che i bambini nati con un parto spontaneo vaginale, senza l’uso di componenti mediche e interventi chirurgici hanno meno problemi di salute.

Purtroppo sappiamo che spesso quando una donna ha già avuto un cesareo solo nel 20% dei casi prova uno vaginale.

Il dottor Lillian Peters, epidemilogo presso due università, University Medical Center Groningen and VU Medical Center Amsterdam, sostiene che questo studio ha dimostrato che i bambini nati col cesareo sono più soggetti a conseguenze negative sulla salute.

“Abbiamo fatto qualcosa di unico con questo studio, abbiamo guardato l’uso degli ormoni per iniziare e stimolare il travaglio, come modello di nascita“.

Peter sottolinea nuovamente che i piccoli nati col cesareo hanno un maggior rischio di avverse condizioni di salute a lungo termine come:

  • infezioni respiratorie
  • disordini metabolici (diabete, obesità)

Da uno studio sull’obesità è emerso che una della cause dell’obesità potrebbe verificarsi già durante il concepimento.

La professoressa Dahlen commenta che gli interventi medici possono interrompere il normale stress della nascita e l’impianto di un salutare microbioma e questo può condurre a risultati negativi sulla salute.

Secondo lei migliorare il continuo sostegno o la continuità delle cure ostetriche e introducendo un approccio basato sulle evidenze per le cure e il travaglio può migliorare il tasso delle nascite con parto vaginale e migliorare la salute dei piccoli.

Unimamme, voi cosa ne pensate a questo riguardo?