bambino 25 arresti cardiaciUn bambino ha subito 25 attacchi cardiaci in un giorno, ma è sopravvissuto.

Il piccolo Theo Fry, di 19 mesi, è un bambino che ha superato l’impossibile: ha superato 25 attacchi cardiaci in un giorno.

I suoi problemi al cuore quando aveva solo 8 giorni di vita, nel maggio del 2017.

Theo ha iniziato a diventare blu e poi grigio tra le braccia di mamma Fauve Syers che ha chiamato soccorsi.

Al telefono le hanno intimato di raggiungere l’ospedale più vicino. I 40 medici che la aspettavano al Salford Royal Hospital le hanno detto che il figlio sarebbe morto se non fosse stato operato subito.

Al bimbo è stata diagnosticata un’interruzione dell’arco aortico, il suo cuore aveva 2 buchi e non poteva pompare sangue nel corpo.

bambino 25 arresti cardiaci

Durante l’operazione ha avuto un arresto cardiaco, poi mentre era in ospedale ha contratto una sepsi e ha avuto un altro arresto.

Dopo essere stato dimesso ha avuto l’aritmia per settimane ed è stato riportato in ospedale e lì è rimasto per altri 6 mesi.

Il 31 gennaio del 2018 Theo, che all’epoca aveva 9 mesi, ha affrontato 25 attacchi cardiaci nell’arco di 24 ore.

Sua mamma ha commentato: “è stato orribile, ha avuto un attacco dietro l’altro. Sapevo che non poteva sopportarne ancora. Guardavo il team che lo resuscitava pensando: “Oh Dio non lasciare che sia il suo ultimo respiro”.

Il giorno seguente il bimbo è stato operato, se non l’avessero fatto non sarebbe sopravvissuto.

Dopo essere stato operato Theo è tornato a casa e si è ripreso completamente.

“Theo ha subito il maggior numero di arresti cardiaci di cui io abbia mai sentito parlare. Se non l’avessimo operato immediatamente non sarebbe mai sopravvissuto. Il suo recupero è sorprendente” ha dichiarato il chirurgo  Ramana Dhannapuneni.

La mamma di Theo, naturalmente, è felice per la ripresa del figlio: “è incredibile ciò che ha affrontato, lui è tanto forte”.

Ora la sua famiglia raccoglie fondi per la Healing Little Hearts, un’associazione caritatevole inglese che raccoglie fondi per operare i bambini nei paesi poveri.

Unimamme, cosa ne pensate della storia di Theo raccontata sul Mirror?

Noi vi lasciamo con la storia di un bambino miracolo, nato prematuro e con la testa a uovo.