cancro al seno
Cancro al seno (iStock)

Brutte notizie per le donne: aumenta l’incidenza di cancro al seno nelle donne sotto i 50 anni di età. L’annuncio arriva alla vigilia di “Lilt for women – campagna Nastro Rosa” 2017, la campagna per la prevenzione del tumore al seno che si tiene ogni anno a ottobre, giunta quest’anno alla XXV edizione.

Cancro al seno: aumentano i casi sotto i 50 anni

Durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento, Francesco Schittulli, presidente nazionale Lilt-Lega italiana per la lotta contro i tumori, ha affermato che “il tumore alla mammella rappresenta il 28% delle neoplasie femminili e continua ad essere per le donne il ‘big killer numero uno’“.

I dati più recenti sul cancro al seno, ha detto Schittulli, “non sono rassicuranti”:

  • l’incidenza del cancro al seno è cresciuta in tutte le classi d’età
  • in particolare del 41% tra le donne al di sotto dei 50 anni.

È necessario invertire la tendenza, per questo motivo, ha sottolineato Schittulli, bisogna “estendere anche alle donne più giovani il programma di screening previsto dal SSN, che al momento è riservato principalmente alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni“. In questo modo si alzerebbero le possibilità di guarigione, che oggi si attestano all’80-85%.

Si stima che in Italia nel 2018 saranno oltre 52mila i nuovi casi di cancro al seno.

Schittulli ha poi annunciato il rilancio della “Consulta nazionale Filt”, a cui parteciperanno figure di rilievo, come la senatrice ed ex ministro della Sanità Mariapia Garavaglia e il medico e giornalista Rai Livia Azzariti.

Durante il mese di ottobre, per la campagna Nastro Rosa, gli oltre 350 ambulatori delle 106 sezioni provinciali Lilt in tutta Italia saranno a disposizione delle donne per informazioni, visite senologiche e, se necessario, controlli diagnostici clinico-strumentali. Per l’intero mese di ottobre sarà possibile effettuare visite gratuite negli ambulatori, oltre alla possibilità di partecipare a dibattiti e conferenze sul tema.

Un importante servizio che la Campagna offre dal 2007 è “Linea Sos Lilt“, un numero verde nazionale (attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 15) con chiamata anonima e gratuita rivolta a tutti, grazie al quale giuristi, medici e psicologi supportano la cittadinanza riguardo a informazioni su strutture specialistiche oncologiche, approfondimenti e iter burocratici.

La diagnosi precoce del tumore al seno è oggi una delle armi più potenti per sconfiggere la malattia, prendendola in tempo. L’invito della campagna Nastro Rosa è quello di adottare la cultura della prevenzione come metodo di vita ed è rivolto a tutte le donne, sane o che abbiano già affrontato la malattia.

Lilt for women – campagna Nastro Rosa” è patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute e ha quest’anno come testimonial Ilary Blasi. Per promuovere la campagna è stato lanciato l’hashtag “Mettiloko“.

Che ne pensate unimamme? Vi sottoponete a regolari visite e screening al seno?

Vi ricordiamo il nostro articolo: Cancro al seno: la densità del seno influisce sui rischi.

Conferenza stampa “Campagna Nastro Rosa 2017”