Fecondazione in vitro (iStock)

Fecondazione assistita, tanti bambini concepiti con il seme del medico all’insaputa dei genitori. Scandalo negli Usa.

Shock negli Stati Uniti per la scoperta di numerose fecondazioni in vitro manipolate: gli embrioni non venivano fecondati con il seme dei padri dei bambini o dei donatori scelti, ma con quello dei medici che praticavano la Fiv. Uno scandalo enorme, scoperto da un’inchiesta del New York Times. Ecco cosa è successo.

Fecondazione assistita, tanti bambini concepiti con il seme del medico negli Usa

Negli Stati Uniti stanno emergendo diversi casi di bambini concepiti con la fecondazione assistita senza utilizzare il seme dei loro padri o quello dei donatori, ma con il seme dei medici stessi che praticavano la fecondazione, ovviamente all’insaputa dei genitori.

I casi si riferiscono soprattutto a bambini nati negli anni ’70 e ’80, come riferisce un’inchiesta del New York Times. Stanno venendo fuori adesso per via della sempre maggiore diffusione dei test genetici fai-da-te, quelli che permettono a chiunque prendere un campione del proprio Dna, con la saliva, e inviarlo per posta con un apposito kit  a diverse società private per analizzarlo. Questi test costano poche decine di dollari e sono abbastanza affidabili. La loro moda è esplosa negli ultimi anni. Le persone li fanno per scoprire le origini dei loro antenati e nei casi dei test più complessi e approfonditi anche per conoscere il rischio della predisposizione ad alcune malattie.

È proprio attraverso questi test che in molti hanno scoperto di non essere figli dei loro padri o che una parte del loro Dna non corrispondeva a quello del donatore di seme.

Di un caso simile vi abbiamo riferito proprio alcuni giorni fa. Un padre italoamericano ha fatto l’amara scoperta di non essere il padre biologico di sua figlia di 24 anni che lui e la moglie avevano concepito con la procreazione assistita. Nella clinica alla quale si erano rivolti qualcuno aveva scambiato il liquido seminale. Una scoperta che è stata uno shock per tutta la famiglia, come si può immaginare.

L’uomo ha deciso di fare causa alla clinica, che nel frattempo ha cambiato amministrazione ed è passata sotto un altro ospedale. Dopo tanti anni non sarà facile ottenere giustizia, così come non lo sarà per coloro che furono concepiti trenta o quarant’anni fa con seme manipolato.

LEGGI ANCHE —>  MICHELLE OBAMA, LA RIVELAZIONE: “HO CONCEPITO LE MIE FIGLIE CON LA FECONDAZIONE IN VITRO”

Una professoressa di legge dell’Università dell’Indiana, Jody Madeira, ha detto al New York Times che sta seguendo oltre ventina di casi negli Stati Uniti e all’estero, in diversi Paesi europei.

In Olanda, uno specialista di fertilità, Jan Karbaat, ha usato il suo seme per far nascere almeno 56 bambini, nati da donne che si erano rivolti alla sua clinica vicino Rotterdam. Le autorità olandesi hanno chiuso la sua attività nel 2009, poi l’uomo è morto nel 2017 all’età di 89 anni.

Lo scorso giugno in Ontario, in Canada, un medico è stato radiato dopo che è stato scoperto che aveva usato il suo liquido seminale per far nascere 11 bambini, per i quali le madri invece avevano scelto dei donatori di seme da un catalogo. Il medico ha tentato di giustificarsi adducendo come scusa di aver usato il suo liquido seminale per calibrare gli strumenti usati per la fecondazione in vitro e che il concepimento con il suo seme sarebbe avvenuto per errore. Ma non è stato creduto.

In Indiana, invece, si è scoperto che un medico specialista, Donald Cline, è diventato padre di 61 bambini, sempre usando il suo seme per la fecondazione invece di quello dei padri legali dei donatori. Il medico è stato condannato e a seguito del suo caso, lo Stato dell’Indiana ha varato una legge specifica per punire la pratica della sostituzione di seme. Lo stesso hanno fatto altri Stati Usa, come California e Texas, Stato quest’ultimo dove la pratica è ora paragonabile all’aggressione sessuale.

La notizia è stata riportata da Ansa.

Scoprire di non essere i genitori biologici dei propri figli o di non essere i figli biologici dei propri genitori a causa di una truffa deve essere devastante e rischia di compromettere l’identità e la stabilità psicologica di un individuo.

Come ha raccontato al New York Times una giovane donna del Texas, Eve Wiley, che ha scoperto che il suo padre biologico non era un donatore di sperma della California ma il medico di sua madre: “Costruisci tutta la tua vita sulla tua identità genetica, qqueste sono le fondamenta… ma quando quei mattoni di base sono stati rimossi o modificati, può essere devastante“.

Che ne pensate unimamme?