Credits: Million Dollar Vegan

Genesis Butler, 12 anni, attivista per la tutela ambientale, chiede al Santo Padre di avere un’alimentazione vegana durante il periodo quaresimale.

Genesis Butler è una ragazzina di 12 anni. Anche se è molto giovane è già un’attivista per i diritti animali e per la tutela dell’ambiente. Genesis ha scritto una lettera molto particolare indirizzata a Papa Francesco.

La ragazzina ha chiesto al Papa di osservare una dieta vegana per l’intero periodo di Quaresima. Se il Papa accetterà, l’organizzazione Blue Horizon International Foundation donerà, a nome di Genesis, un milione di dollari ad un’associazione benefica decisa dal Santo Padre.

Oggi, in 15 paesi del mondo,  è stata lanciata la campagna denominata “Million Dollar Vegan” per far luce sull’impatto devastante che gli allevamenti intensivi hanno sul nostro pianeta.

Matthew Glover, amministratore delegato di “Million Dollar Vegan”, spiega il perché di questa campagna mondiale: “Abbiamo deciso di lanciare una campagna deliberatamente coraggiosa e audace per scuotere i leader politici di tutto il mondo dalla loro compiacenza. Per troppo tempo hanno mancato di agire di fronte alle prove dei danni che gli allevamenti intensivi causano alle persone e al Pianeta”.

La lettera di Genesis a Papa Francesco: “Vi chiedo di unirVi a me”

Genesis Butler è una ragazzina di 12 anni molto attiva per quanto riguarda i diritti degli animali e nella tutela dell’ambiente. Ha instituito un’organizzazione senza scopo di lucro la “Genesis for Animals” ed è stata la persona più giovane della storia a fare un intervento al TEDx.

Genesis ha deciso di scrive una lettera a Papa Francesco, nella quale gli chiede di astenersi dal consumare carne nel periodo quaresimale e di dare il suo supporto alla campagna “Million Dollar Vegan”.

Credits: aveganchildsjourneygenesis

In questa lettera Genesis illustra i danni che gli allevamenti intensivi stanno causando al nostro pianeta: “Le attuali abitudini alimentari, delle nazioni più ricche, stanno causando distruzione e devastazione su scala globale. Gli allevamenti intensivi sfruttano l’83 per cento dei terreni agricoli, ma contribuiscono solo al 18 per cento delle nostre calorie. Con 815 milioni di persone che soffrono di malnutrizione, immaginate quante bocche potremmo sfamare in tutto il mondo se solo ci allontanassimo da alimenti che richiedono un tale dispendio di risorse”.

Gli allevamenti intensivi non impattano soltanto sui più poveri al mondo, sono anche responsabili del 14,5 per cento delle emissioni di gas serra prodotti dalle attività sociali. Sono inoltre una delle cause principali della deforestazione e dell’attuale estinzione di massa di alcune specie selvatiche. Le sostanze chimiche impiegate in agricoltura e i rifiuti di origine animale inquinano i nostri fiumi, mentre la pesca eccessiva e gli sversamenti stanno distruggendo i nostri oceani”.

Credits: Genesis For Animals
Credits: aveganchildsjourneygenesis

Genesis si rivolge al Papa perchè si è dimostrato più volte sensibile a questi temi: “Nella Vostra Enciclica Laudato si’avete affermato che qualsivoglia tentativo per proteggere e migliorare questo nostro mondo avrebbe comportato cambiamenti negli stili di vita, nelle produzioni e nei consumi. Concordo con Voi, con tutto il mio cuore, e sono qui a chiedere il Vostro supporto per far fronte ad una delle principali cause nascoste dei problemi che affliggono questa nostra Terra: gli allevamenti intensivi”.

Nella lettera scrive Genesis che se il Papa deciderà di astenersi dal consumare carne durante il periodo quaresimale “la Blue Horizon International Foundation donerà un milione di dollari ad una o più cause benefiche di Vostra scelta, come gesto di profonda riconoscenza per il Vostro impegno”.

 Conclude la lettera chiedendo di incontrare di persona il Papa per poter discutere dei problemi che affliggono la Terra.

Matthew Glover, amministratore della campagna dichiara: “Siamo grati a Papa Francesco per aver parlato di queste problematiche ed è per questo che umilmente gli chiediamo di provare un’alimentazione vegana per l’intera Quaresima, e di farsi esempio di come ognuno di noi può allineare i propri principi di cura e compassione con le proprie azioni“.

Leggi anche > La dieta universale del The Lancet che aiuta il pianeta e la salute umana

Voi unimamme siete anche voi disposte a partecipare a questa campagna? Cosa ne pensate dell’iniziativa?