Il cordone ombelicale: considerato “rifiuto biologico” quando può salvare vite

Oggi è la prima Giornata Mondiale del Cordone ombelicale, per sensibilizzare all’utilizzo del sangue cordonale nella cura di alcune malattie.

Prima che Paola nascesse avevo fatto tutti gli esami per poter donare il cordone ombelicale, visto che le cellule staminali contenute nel sangue cordonale sono davvero preziose e avrebbero potuto aiutare molti altri bambini. Purtroppo ho avuto il cesareo e non se n’è fatto più nulla, questo è un mio rammarico.

Pochi però conoscono in realtà i benefici del cordone ombelicale, anche perché non te lo spiegano da nessuna parte: i più fortunati possono rivolgersi a delle banche private per conservare il sangue del cordone ombelicale in vista di possibili interventi futuri.

Giornata mondiale del cordone ombelicale: ecco perché è importante

Oggi è la prima edizione della Giornata mondiale del cordone ombelicale: la data è stata scelta perché il 15 novembre 1988 Matthew Farrow – affetto da Anemia di Falconi – a 5 anni venne sottoposto ad un intervento grazie al sangue cordonale prelevato dalla sorella che nella diagnosi prenatale non aveva traccia della malattia. Il ragazzo adesso è perfettamente guarito  ed è uno dei più fervidi sostenitori della giornata.

Perché si celebra il World Cord Day?

Perché:

  • sono stati fino ad oggi 35 mila i trapianti effettuati utilizzando le cellule staminali cordonali
  • in Italia il 95% dei cordoni è gettato come rifiuto biologico, buttando via una risorsa preziosa per curare anche diverse malattie. Il sangue cordonale infatti è  ricco di cellule staminali emopoietiche che possono generare globuli rossi, bianchi e piastrine. Le cellule staminali emopoietiche cordonali vengono utilizzate per curare le malattie del sangue e del sistema immunitario come linfomi, leucemie, aplasie midollari, talassemie, immunodeficienze ed alcuni difetti metabolici.
  • il sangue del cordone viene impiegato per guarire più di 80 diverse malattie tra anemie, linfomi e leucemie

Per tutto il giorno ci saranno interventi di società ed enti pubblici e privati impegnati in questo settore di ricerca che parleranno dei progressi fatti in questo ambito e a che cosa appunto può servire il sangue cordonale.

In Italia, due sono gli eventi previsti: uno a Roma e uno a Milano. Tutte le informazioni sul sito.
Ricordiamo che è una fonte preziosa di aiuto per tante persone che soffrono e che possono essere salvate. Non buttiamolo via!

E voi unimamme lo sapevate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di come il sangue cordonale può aiutare tanti bambini prematuri. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta