Home Mamma & Co. Accade nel mondo “Grazie figlia mia”: scrive la mamma di una bambina con una malattia...

“Grazie figlia mia”: scrive la mamma di una bambina con una malattia rara

CONDIVIDI

Vi avevamo già raccontato della storia della piccola Vittoria, una bimba di 4 anni che sta perdendo la vista a causa di una malattia genetica per la quale per il momento non esiste cura. La mamma della piccola, Silvia, ha fondato un sito che si chiama Through Vicky’s Eyes in cui c’è la possibilità di conoscere la storia di Vittoria e anche contribuire a trovare fondi per aiutare la ricerca.

Vittoria, la bimba con gli “occhi speciali” da cui dovremmo imparare 

In questi giorni sui social c’è un messaggio che abbiamo abbracciato anche noi di Universomamma, perché ogni famiglia non dovrebbe essere lasciata sola di fronte ad una diagnosi del genere e se la rete può aiutare a sentirsi meno soli, magari trovando delle altre persone che stanno affrontando la stessa situazione, ben venga. Ecco cosa ha scritto Silvia in occasione del Giorno del Ringraziamento:

“Vicky é la nostra piccola di 4 anni. Sta perdendo la vista per via di una rara condizione genetica. Oggi, nel giorno del ringraziamento, vorrei prendermi un momento per ringraziare proprio lei. Ho scritto e riscritto questo post molte volte, cercando di elencare tutte le piccole cose per cui sono grata a Vicky, ma anche le parole piú belle  sembrano essere inadeguate per descrivere quello che provo.

In realtá é semplice. Voglio ringraziare Vicky per essere la nostra ISPIRAZIONE.

Quando mi abbracci forte e mi dici: “Mamma ti voglio taaaaaaaanto bene”, mi insegni l´amore incondizionato.

Quando mi chiedi di leggere il tuo libro preferito per la ventesima volta, mi insegni la pazienza.

 Quando impieghi un po´di piú per finire un puzzle, ma non ti arrendi finché non hai finito, mi insegni la perseveranza.

Quando quel pezzetto di lego sul pavimento sfugge alla tua vista ma ti aiuti con le mani per trovarlo, mi insegni a fare tutto il possibile con i mezzi che abbiamo.

 Quando te ne esci con delle espressioni divertenti mescolando tre lingue, mi insegni ad essere creativa.

 Quando mostri il tuo sorriso contagioso, mi insegni che ridere é la miglior cura per molte cose.

 Quando mi dai un bacio prima di dormire la sera, tutte le sere, mi insegni ad essere gentile con gli altri.

 Quando insisti per chiudere i bottoni “tutti da sola”, mi insegni la determinazione.

 Quando sulla via per andare a scuola ti fermi a guardare un fiore, mi insegni ad apprezzare la bellezza delle piccole cose nel mondo.

 Quando spieghi con orgoglio ai tuoi amici che “molte persone indossano gli occhiali e cosí faccio io”, mi insegni a saper difendere me stessa.

 Quando corri ad abbracciare e baciare tuo fratello, mi insegni che la famiglia e la cosa piú importante nella vita.

 Quando mi dici: “Mamma, non preoccuparti ce la faccio”, mi insegni a dare fiducia agli altri.

 Quando ti assicuri che il tuo orsetto sia ben coperto, a costo di rimanere scoperta tu, mi insegni a prendermi cura degli altri prima ancora che di me stessa.

 Quando mi dici “Mamma, aiutami, é tutto buio”, mi insegni a non aver timore nel chiedere aiuto.

 Quando mi chiedi quand´é che potrai smettere di portare gli occhiali, mi insegni ad avere speranza nel futuro.

 E voi per cosa ringraziate i vostri figli?

Seguite le avventure di Vicky su https://m.facebook.com/vickyseyes/

Commentate sotto al post e taggate i vostri amici mamme e papá speciali per condividere lo sprito del giorno del ringraziamento!

#Thanksgiving #Vickyseyes”

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con l’intervista a Silvia, intitolata “Vittoria, la mia bambina con gli occhi speciali”. 


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it