Per un genitore con un figlio molto malato non dev’essere facile parlarne o mostrare pubblicamente i segni che il terribile male ha lasciato sul suo piccolo, per questo l’iniziativa dei genitori di Ward 84 denota grande coraggio.

Le mamme e i papà dei piccoli ospitati al Royal Children Hospital di Manchester hanno deciso di usare la moda del no make up selfie a loro vantaggio, pubblicando su una pagina Facebook le immagini dei loro piccoli prima, durante e dopo il trattamento.

I genitori di questi bimbi infatti pensavano che la moda del make up selfie, che ha avuto molto successo tempo fa e consisteva nel farsi un autoscatto senza trucco per poi devolvere un’offerta in beneficenza, potesse banalizzare la malattia di cui soffrono anche i loro piccoli e quindi hanno voluto mostrare i veri effetti che il cancro ha sugli sfortunati piccini che ne sono affetti.

Lo scopo profondo di questa iniziativa è anche quello di raccogliere fondi da devolvere a questo ospedale e alla varie iniziative di supporto per i bambini malati di cancro.

Volevamo mostrare il vero volto del cancro e abbiamo chiesto ai genitori di indicare anche i sintomi del proprio figlio, in modo che questo sia di utilità alle mamme e ai papà che cercano informazioni” dichiara la signora Massey, al cui figlio Jacob è stata diagnosticata la leucemia.

Facendo entrare le persone nel nostro mondo desideriamo aumentare la consapevolezza delle persone nei confronti del tumori infantili e raccogliere fondi per le istituzioni che ci hanno aiutato” aggiunge la signora Massey.

La signora Bewick, la cui figlioletta di appena un anno, Lily, è deceduta per un rabdomiosarcoma dei tessuti, non critica apertamente la campagna no make up selfie promossa da una ragazza acqua e sapone, ma ritiene che sia stata un po’ troppo “indulgente” nei confronti del cancro.

Questo è il nostro modo di stimolare la consapevolezza verso il cancro” ribadisce la Bewick.

La pagina Facebook dedicata a questi minuscoli combattenti, Ward 84, ha raccolto più di 5 mila mi piace e molti consensi da parte di chi ha vissuto la stessa drammatica esperienza.

Questo è uno dei molti modi in cui le famiglie di questi coraggiosi ragazzini cercano di reagire e dare un senso alla tragedia che li ha colpiti.

E voi unimamme cosa ne pensate di questa iniziativa? Voi mostrereste il volto di vostro figlio in uno dei momenti più tristi per una buona causa?

 

 

 

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore