Home Mamma & Co. Accade nel mondo “Lo preferiscono morto”: la denuncia dei legali di un bambino di 18...

“Lo preferiscono morto”: la denuncia dei legali di un bambino di 18 mesi (FOTO)

CONDIVIDI

Care unimamme, torniamo a parlarvi di Alfie Evans il bambino inglese di 18 mesi ricoverato a Liverpool.

Alfie è infatti nell’Alder Hey Children’s Hospital da quasi un anno, è in coma farmacologico e soffre di una forma di crisi epilettiche o spasmi.

Purtroppo i medici non sono riusciti a dare una diagnosi della malattia che lo ha colpito ma si oppongono a un trasferimento presso un altro ospedale. Non solo, come nel caso di Charlie Gard, si sono appellati alla Corte inglese perché sono convinti che sia nel “migliore interesse” del bambino non continuare più a curarlo e che sia meglio lasciarlo morire.

Per l’ospedale lasciare morire Alfie Evans è la “soluzione migliore”

Per la difesa di Alfie i genitori si sono rivolti agli avvocati dell’Associazione Giuristi per la Vita, ai quali hanno affidato la procura già quest’estate. Il segretario dell’Associazione, avvocato Filippo Martini, ha rilasciato un’intervista a ProVita Onlus, ed ha spiegato che la scelta è ricaduta su di loro in quanto in Inghilterra “gli avvocati non si sbilanciano troppo verso casi limite come questo” e che quindi stanno cooperando con uno studio legale inglese.

Secondo l’avvocato l’ospedale avrebbe tradito la fiducia, perché non ha permesso di svolgere la procedura di mediazione e trovare una soluzione concordata. L’ospedale ha infatti comunicato ai genitori di Alfie di aver deciso di rivolgersi al tribunale per chiedere l’autorizzazione a staccare le macchine al piccolo.

Come motivi per opporsi al trasferimento, l’Alder Hey Hospital ha affermato che

  • ogni ulteriore trattamento sarebbe inutile
  • la qualità di vita sarebbe o molto povera o inesistente,
  • trasferire Alfie in un altro ospedale avrebbe dei rischi.

In merito ai primi due punti, l’avvocato si sofferma sul fatto che non essendoci ancora una diagnosi (c’è solo una patologia sospettata di tipo neurologico grave) è lecito domandarsi su quali basi l’ospedale affermi che non ci sono più speranze per Alfie. Inoltre, occorre ricordarlo, i medici dell’ospedale, poco tempo dopo il ricovero avvenuto a dicembre 2016, avevano già detto ai genitori di prepararsi al peggio, cosa che poi però non è accaduta.

Parlando di assenza di speranza e di qualità di vita “inesistente”, a smentire ci sono diversi video pubblicati dai genitori sulla pagina Facebook di Alfie’s Army che mostrano Alfie che apre gli occhi, alza le braccia, sbadiglia, si tiene il ciuccio, insomma fa tutta una serie di cose che dimostrano che non si è di fronte a un “vegetale” e che la speranza non è nulla.

La battaglia è quindi aperta, e noi speriamo fortemente che si riesca a trasferire il piccolo Alfie in un ospedale italiano che si è già dichiarato pronto ad accoglierlo.

Se volete supportare questa famiglia, avete tre modi:

E voi unimamme, cosa farete?