fonte: Facebook( Kailey holian

Una mamma ha raccontato com’è annegato il figlio.

Una mamma racconta come è morto il figlio

Ecco che cosa ha scritto Kailey Holian:

La prossima settimana saranno 3 anni da quando l’abbiamo abbracciato. Quindi concedetemi alcuni minuti del vostro tempo per parlarvi di sicurezza in acqua.

Niente mi fa più arrabbiare dei messaggi generici che le persone inviano ai genitori con i soliti vecchi consigli sulla sicurezza in acqua. Come se non ci occupassimo già abbastanza dei figli in acqua o di fargli prendere lezioni di nuoto.

La sicurezza in acqua non è così semplice. Quindi questo non sarà uno di quei messaggi.

Questo è reale e crudo.

Ho controllato tutte le scatole della buona mamma prima di andare in piscina.

  • lezioni di nuoto fin da quando era piccolo
  • sapeva nuotare
  • avevo un certificato di rianimazione cardio polmonare
  • avevo insegnato ai miei figli a rispettare l’acqua
  • tenevo i miei occhi e le mie orecchie sulla piscina

Ma il 16 giugno del 2016 niente di questo ha avuto importanza.

Le piscine non sono giocattoli. Sono dei buchi nella terra pieni d’acqua. Le spiagge non sono parchi.

Sono la bocca dell’Oceano. Dobbiamo trattare quei corpi d’acqua con la paura che necessitano. All’acqua non importa. Non ha sensazioni. L’acqua non ti segnala quando qualcosa non va, e nemmeno i tuoi bambini.

Questo è il mio PSA.

Affogare è silenzioso. Non ci sono schizzi o grida d’aiuto. Niente circa l’affogare attirerà la vostra attenzione finché sarà troppo tardi. L’annegamento si svolge sott’acqua. Non puoi gridare sotto’acqua, non puoi fare schizzi sotto la superficie. Qualunque cosa tu abbia visto in tv dimenticala. Non succede in quel modo. Siamo stati condizionati a scrutare segnali di difficoltà che non esistono.

La storia di Weston.

Ero a un metro di distanza da mio figlio. Era su un gradino e io ero in piedi vicino a lui mentre dicevo agli altri bambini di fare attenzione in acqua. Non è ironico? Nella mia testa ero abbastanza vicina a lui per sentire ogni difficoltà.

Ero vicina abbastanza per sentire gli schizzi d’acqua vicino a me se lui fosse stato in difficoltà e avesse spruzzato.

Ma niente di tutto quello è successo perché l’annegamento è silenzioso.

Ci ha impiegato meno di un minuto. In meno di un minuto lui è andato sotto e i suoi polmoni si sono riempiti.

Gli ho fatto la rianimazione e lui ha sputato fuori l’acqua.

Tenevo in braccio il mio dolce bambino e gli dicevo che andava tutto bene mentre lui si aggrappava al mio petto e piangeva. Era sveglio e allerta quando sono arrivati i soccorsi.

La nostra corsa in ambulanza era per precauzione, lo hanno sedato e intubato per precauzione ma non si è più svegliato. Abbiamo aspettato per tre giorni che si svegliasse, pregando per un miracolo. Io ero pronta ad aspettare per il resto della mia vita. Ma lui aveva perso tutte le funzioni intellettive. Non si sarebbe più svegliato. L’incubo di ogni mamma ora era la mia realtà.

Tre anni dopo non ho tutte le risposte per voi. Penso di aver fatto tutto giusto quel giorno. Non so se ci sarebbe stato un modo per prevenirlo.

Buoni genitori stanno perdendo i loro figli per annegamento nella nostra città e mi spezza di nuovo il cuore ogni volta che sento di una nuova vittima.

Quindi vi lascio con una nuova lista di scatole da controllare.

  • Annegare è silenzioso, non aspettatevi schizzi
  • Può succedere a te, a me è successo
  • Tratta l’acqua con paura e rispetto, non come un giocattolom o un parco
  • Non importa se sanno nuotare, può succedere a tutti, è successo a Weston
  • lezioni di sopravvivenza in acqua: è diverso dall’imparare a nuotare.  Insegna ai nostri bambini piccoli come sopravvivere in situazioni di emergenza in acqua

Fare tutto quello nominato sopra non è abbastanza. Non metterti mai a tuo agio, non pensare di aver coperto tutte le basi. Cerca altri modi per essere vigile.

Per favore lascia che Weston ti sia di ispirazione quest’estate. Lascia che la storia di Weston ti scuota il cuore in modo che tu non finisca con la tua storia. Non dimenticarlo mai.

Non dimenticare quello che gli è successo. Lascia che la sua storia salvi la vita dei tuoi figli. Non voglio la pietà. Non voglio che tu ti senta in pena per me. Voglio che tu mi prometta che la prossima volta che porterai i tuoi figli vicino all’acqua ti ricorderai di Weston. Ricordati di lui e lascia che la sua storia cambi ciò che senti verso l’acqua.

Non potrò più abbracciare mio figlio in quel modo. Si tratta di un dolore che non posso spiegare. Posso sperare e pregare che questa storia salvi altri.”

Unimamme, questa vicenda pubblicata su facebook ha ottenuto 94 550 Like e 222  137 condivisioni diventando virale.

Leggi anche > Bimba di tre anni rischia di annegare: salvata dai Vigili del Fuoco

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore