Una mamma di 3 figli ha raccontato come sia stata violentata dal padre per 6 anni.

Amanda Stubbs è una mamma di 3 figli, ora cinquantenne, che ha trovato la forza di confessare di essere stata violentata dal padre per 6 anni, quando era bambina.

Amanda finalmente festeggia l’arresto definitivo del padre fuggiasco e la sua condanna a 15 anni di carcere. Per questo la donna ha deciso di mettere da parte l’anonimato e di svelare un grande segreto.

Hollis ha cominciato ad abusare sessualmente della figlia quando lei aveva solo 4 anni.

“Veniva nella mia stanza di notte e mi toccava, sotto il pigiama. Diceva che ero la sua principessa e mi accarezzava i capelli. Per ironia quello era l’unico momento in cui era gentile con me. Poi mi diceva di non dirlo a nessuno e che nessuno mi avrebbe creduta”.

La bambina temeva di rimanere sola con l’uomo.

Quando avevo otto anni mio papà mi ha detto di raggiungerlo di sopra. Lì mi ha abbassato i pantaloni e mi ha violentato. Ha messo le mani sulla mia bocca in modo che non potessi chiamare aiuto. Poi mi ha lasciato sola nella stanza da letto, dolorante e tremante. La violenza è continuata fino a quando ho compiuto 10 anni, mi forzava a guardare i porno mentre mi aggrediva. Credevo che la mia traversia non sarebbe mai finita.”

I genitori di Amanda hanno divorziato nel 1979 e lei è andata a vivere con la mamma.

Incapace di condividere il suo segreto si è data all’alcol e a 14 anni era completamente fuori controllo.

Quando ha incontrato e sposato Lewis, quello che ora è il suo ex marito, questi l’ha pregata di condividere il suo segreto col resto della famiglia e Amanda l’ha fatto.

Il giorno dopo Amanda è andata dalla polizia a sporgere denuncia. Suo padre è stato arrestato e accusato di violenza sessuale, ma è stato rilasciato su cauzione.

L’uomo però è fuggito e l’incubo di Amanda è ricominciato. Lei credeva che il padre volesse vendicarsi.

Nel frattempo la donna ha avuto 3 figli, nel 2007, a distanza di 10 anni c’è stata una svolta.

Il padre di Amanda è stato intercettato a Malaga, in procinto di volare in America, ed è stato arrestato, ma inspiegabilmente rilasciato su cauzione e così è sparito di nuovo.

Nel 2017 alcuni poliziotti l’hanno rintracciato in Spagna, Hollis viveva a Malaga sotto falso nome.

Amanda ha finalmente potuto tirare un sospiro di sollievo. “Per me è stato come se mi avessero legato un peso dalle spalle, sapevo che lui avrebbe finalmente affrontato la giustizia”.

“Quando venivo abusata da lui non ho mai potuto fuggire dai suoi artigli e quindi è disgustoso che lui sia riuscito a fuggire due volte” ha commentato la donna.

Infine Alan Hollis si è dichiarato colpevole di 5 capi d’accusa come indecenza, indecenza con un minore, sodomia, ed è stato condannato a 15 anni di prigione.

“Sentendo la sentenza ho avvertito molto sollievo, dopo le due vergognose decadi in cui papà è fuggito il mio incubo è finito”.

Jacky Fitzpatrick, ispettore che ha aiutato Amanda ha elogiato il suo coraggio.

Hollis ha compiuto devianti e ripetuti atti per sfuggire alla giustizia, incluso ottenere un falso passaporto, grazie all’aiuto della polizia spagnola siamo stati in grado di trovarlo e di costringerlo ad affrontare le conseguenze delle sue orrende azioni”.

Unimamme, cosa ne pensate di questa storia di cui si parla sul The Sun?

Noi vi lasciamo con la vicenda di una nonna che ha permesso al fidanzato di stuprare la nipotina.