partorire in casa
Donna in travaglio in casa (fonte: Istock)

Partorire in casa è sicuro in caso di gravidanza a basso rischio, i risultati di un maxi studio.

Unimamme, magari vi trovate nel momento di scegliere quale tipo di parto avere, oppure conoscete qualcuno che sta prendendo questa importante decisione.

Ricerca sul partorire in casa per stabilire se sia più o meno sicuro

Forse lo studio di cui stiamo per parlarvi vi aiuterà a chiarirvi le idee.

La ricerca di cui vi parliamo è  stata pubblicata sulla rivista EClinicalMedicine”, del gruppo editoriale The Lancet, ad occuparsi dello studio sono stati esperti della McMaster University in Canada.

Ecco come si è svolta la ricerca:

  • c’è stato un confronto sull’esito di 500 mia parti avvenuti in casa per scelta
  • e un confronto con 500 mila nascite avvenute in ospedale in 8 Paesi
  • i Paesi erano: Canada, Usa, Nuova Zelanda, Giappone, Inghilterra, Svezia, Australia e Olanda

Dai risultati non sono emerse differenze significative per quanto riguarda il livello di sicurezza nei confronti dei parametri standard considerati per misurare:

  • qualità
  • sicurezza

del parto.

Non ci sono inoltre state differenze per mortalità:

  • perinatale (durante il parto)
  • neonatale ( nelle prime 4 settimane dal parto)

LEGGI ANCHE > IL PARTO IN CASA è SICURO? IL PARERE DI MEDICI E OSTETRICHE

La coordinatrice del lavoro Eileen Hutton, professore emerito di ostetricia e ginecologia alla McMaster ha dichiarato:Sempre più donne nei paesi ricchi stanno optando per il parto a casa, ma diverse preoccupazioni sulla sicurezza di questa scelta restavano in essere. Questa ricerca dimostra chiaramente che non vi sono differenze nel rischio per mamma e bebè quando si sceglie di fare il parto in casa piuttosto che in ospedale”. 

Quindi partorire in casa è una scelta sicura in caso di gravidanza a basso rischio.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi risultati pubblicati su EClinicalMedicine?

Voi potendo scegliere lo vorreste fare?