La trentenne Madelyn Ellen Minsenmeir, mamma single, dipendente da oppiacei, è stata ricordata con uno struggente messaggio.

Madelyn Ellen Linsenmeir è morta il 7 ottobre scorso, a soli 30 anni, dopo una lunga battaglia contro la droga.

Ha lasciato dietro di sé un figlio ancora piccolo, Ayden e la sua famiglia, completamente affranta dalla perdita.

“Sebbene la sua morte sia stata inaspettata, Madelyn era dipendente dalla droga, per anni abbiamo temuto che la droga avrebbe reclamato la sua vita, noi siamo grati che lei sia morta mentre era al sicuro e con la sua famiglia.

Non è possibile raccontare una persona in un necrologio e specialmente qualcuno la cui vita adulta fosse largamente definita dalla dipendenza da droga. Per alcuni Maddie era solo una tossica, quando scoprivano la sua dipendenza smettevano di frequentarla. Questo è stato un male per loro.”

Maddy è diventata schiava della droga quando era alle superiori, iniziando con l’oxicodina, una droga molto in voga all’epoca.

“Quando aveva 16 anni ci siamo spostati dal Vermont alla Florida per permetterle di frequentare una scuola d’arte. Lì ha iniziato il suo rapporto con gli oppiacei che ha poi dominato il resto della sua vita.”

Madelyn aveva un grande talento, una voce bellissima, ma nemmeno la nascita del figlio l’ha tenuta lontano dalle droghe.

“In un sistema che sembra essere diventato più duro contro chi ha dipendenze e delude ogni giorno queste persone, lei è diventata amica di poliziotti, assistenti sociali, difensori pubblici, medici e persone che hanno creduto in lei fino alla fine.”

Nonostante i suoi sforzi questa mamma ha perso la custodia del figlio di 2 anni. In questa sua ultima estate, appena passata, Maddy era tornata a casa dalla sua famiglia, nel tentativo di disintossicarsi.

In quei 12 giorni la mamma è rimasta sobria e la sua famiglia ha pensato che potesse farcela.

“Abbiamo creduto, come avevamo sempre fatto, che avrebbe sconfitto la sua malattia e che avrebbe costruito la vita che meritava. Noi l’abbiamo creduto fino a quando ha esalato il suo ultimo respiro.

Sebbene saremmo disposti a pagare qualsiasi riscatto per riaverla indietro, la malattia non la lascerebbe mai. Educate voi stessi circa questa malattia, perché questo è ciò che è. Non accade per scelta o debolezza.

Ci sono buone possibilità che conosciate qualcuno che sta lottando con questo problema, questa persona ha bisogno e merita la vostra empatia e sostegno.

Se siete alle prese con la dipendenza sappiate che ogni respiro è un nuovo inizio. Sappiate che centinaia di migliaia di famiglie che hanno perso una persona cara stanno pregando per voi. Non è mai troppo tardi“.

Unimamme, cosa ne pensate di questo commovente necrologio di cui si parla sul Daily Mail?

Noi vi lasciamo con la decisione di un papà di condividere la foto del figlio morente e drogato.