Purtroppo a volte si verificano incidenti stradali in cui sono coinvolti anche i bambini, di recente una nonna americana ha voluto sottolineare quanto accaduto alla nipotina per aprire un dibattito sul seggiolino rivolto in avanti troppo presto.

Seggiolino rivolto in avanti: il racconto di una nonna

Qualche tempo fa una mamma aveva pubblicato una foto per dimostrare che i seggiolini in auto salvano la vita, ora  vi mostriamo cosa ha scritto una nonna: Tanya Bender.

“Nella maggior parte degli Stati l’età minima richiesta per i seggiolini rivolti in avanti è due annni. Aniyah aveva due anni quando è rimasta coinvolta in un incidente con il seggiolino rivolto in avanti.

Il seggiolino era installato correttamente secondo il manuale d’istruzioni e la legge. Se fosse stato rivolto verso l’interno lei non si sarebbe fatta alcun male.

Aniyah ha compiuto 2 anni il 28 febbraio e l’incidente si è verificato il 22  maggio.

Lei stava aspettando felice che la sua mamma venisse a prenderla per la giornata, abbiamo messo il seggiolino in macchina rivolto in avanti e l’abbiamo legata. Hanno lasciato la casa ed avevano percorso 5 miglia quando sono state coinvolte in un incidente d’auto in cui a causa dell’urto la macchina è stata spinta contro una pila di mattoni che reggeva un cartellone pubblicitario, l‘auto si è capovolta.

A causa della forza dell’impatto Aniyah è rimasta internamente decapitata alla vertebra C1. Aveva diverse rotture tra la C1 e la C7 e aveva anche un taglio alla C5 alla radice del nervo che controlla le braccia.

La bimba è stata portata in volo al Doernbecher Children’s Hospital di Portland, in Oregon, dopo una permanenza di 12 ore in un ospedale locale.

Poi è stata sottoposta a un intervento chirurgico per fondere il suo intero collo e mettere un halo.

Abbiamo trascorso le due settimane successive in ospedale. Quando siamo tornati a casa, le abbiamo dovuto insegnare come stare di nuovo seduta, camminare di nuovo e abbassare le braccia.

Dopo due anni, questo maggio, lei è in grado, grazie a una costante terapia occupazionale, di usare la parte bassa del braccio, ma non sarà mai in grado di usarlo completamente.

A causa della completa fusione del collo non potrà mai saltare sui trampolini, cavalcare, fare la cheerleader, sport che richiedono molta fisicità o persino ruzzolare. C’è infatti un alto rischio che si ferisca di nuovo al collo.

La condizione di fusione del collo è una cosa a cui difficilmente si sopravvive, secondo i medici del Doernbechers.

Vorrei che le persone capissero che sebbene le leggi dicano che potete posizionare il vostro bambino rivolto in avanti, a 10 kg. o a 2 anni in alcuni Stati, la cosa migliore è sempre rivolgerli verso la parte posteriore finché non pesano almeno 18 o 20 kg. se potete farlo.

Aniyah non si sarebbe fatta alcun male se fosse stata rivolta verso la parte posteriore.

Lei sta imparando a far funzionare tutto molto bene con le sue disabilità e sta sbocciando”.

Unimamme, cosa ne pensate del messaggio di questa nonna condiviso sul gruppo Facebook Keeping Little Safe in Carseats?

Noi vi lasciamo con 7 errori gravi commessi dai genitori col seggiolino per auto.

Unimamme, cosa ne pensate dell’appello di questa nonna?

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore