fonte foto iStock

Una bambin di 13 anni meditava il suicidio a causa del cyberbullismo.

Una ragazzina di 13 anni di una scuola di Lodi meditava il suicidio perché veniva ricattata e minacciata da uno studente suo coetaneo.

Ragazzina vittima di cyberbullismo a scuola

Lo studente minacciava la giovanissima di diffondere sue foto intime se la ragazzina non gliene avesse inviate altre.

“Mandami altre foto nuda o queste le faccio avere a tuo padre” le diceva.

La situazione di cyberbullismo era già nota agli insegnanti che avevano organizzato una lezione su questo tema.

Al termine di essa però la studentessa vittima di cyberbullismo si è sentita male.

A quel punto è stata allertata la questura. Nel frattempo gli insegnanti hanno trovato un biglietto di addio della studentessa.

Venerdì scorso 3 pattuglie sono intervenute a scuola per sequestrare gli smartphone di alcuni studenti. Le indagini hanno accertato che le foto della ragazzina venivano fatte circolare in una chat contro la sua volontà.

Ora la ragazzina è ricoverata in pediatria.

I medici incontreranno preso la preside della scuola per concordare una linea di comportamento da tenere.

“Si tratta di una ragazza che è sempre andata bene a scuola e non ha avuto mai alcun problema. La nostra scuola, proprio quest’anno, si era impegnata per far conoscere agli studenti i pericoli del web, di Internet. E li aveva anche ammoniti, con lezioni tenute dalla polizia, sui risvolti penali di un uso cattivo di questi strumenti. Una situazione del genere non ce la saremmo mai aspettata” ha dichiarato la preside a Repubblica.

Uno studente quattordicenne è stato denunciato per detenzione di contenuti pedopornografici.

Le forze dell’ordine stanno considerando anche l’ipotesi di estorsione.

leggi anche > Il Principe William parla di cyberbullismo e salute mentale