Un ragazzo autistico ha tentato di lanciarsi dalla finestra della classe. E’ stato salvato dall’insegnante di sostegno, era vittima di bullismo.

Un episodio che poteva finire in tragedia è avvenuto in un istituto alberghiero in provincia di Avellino.

Un ragazzo autistico stanco di essere preso di mira dai suoi compagni con violenze verbali e fisiche, aveva tentato di suicidarsi lanciandosi dalla finestra della classe al secondo piano dell’istituto. Provvidenziale l’intervento di un professore che è riuscito a salvare il ragazzo.

Non si fermano gli atti di bullismo nei confronti di chi è più debole o indifeso. É di poco tempo fa la storia del fratello di un ragazzino autistico che ha denunciato le continue vessazioni che il fratello minore subiva a scuola. Il ragazzo su Facebook aveva scritto un post per denunciare cosa il fratello era costretto a subire a scuola. Il post è stato pubblicato, il ragazzino autistico ha confessato alla famiglia di essere vittima di bullismo a scuola: “Handicappato di m…. ,…io con te non ci parlo grasso … queste sono alcune delle parole che Matteo ci ha detto di dover subire ogni giorno, ogni ora, ogni secondo nella sua classe”.

Ragazzo autistico vittima di bullismo tenta il suicidio: salvato dall’intervento dell’insegnante

Un ragazzo autistico di 15 anni ha tentato di togliersi la vita mentre era a scuola.  Nel comune di Montoro, in provincia di Avellino, il ragazzo ha tentato il suicidio lanciandosi dalla finestra della sua classe, al secondo piano dell’istituto che frequenta.

Fortunatamente, il ragazzo è stato fermato dall’insegnante di sostegno che era in classe con lui.

Il gesto estremo è la conseguenza degli atti di bullismo che il ragazzo autistico è costretto a sopportare da parte dei suoi compagni di classe. Da tempo era oggetto di continue vessazioni, minacce a volte anche a sfondo sessuale. Un calvario che il ragazzino non riusciva più a sostenere.

A seguito del tentato suicidio la madre  ha sporto denuncia ai carabinieri di Serino. I militari stanno indagando sull’accaduto e sugli atti di bullismo nei confronti dello studente.
Sono stati ascoltati, come testimoni di quello che è accaduto presso l’istituto alberghiero di Montoro, i compagni di classe e gli insegnanti.

La dirigente scolastica ha disposto il trasferimento dell’intera classe al piano terra dell’edificio, per evitare che il ragazzo possa tentare nuovamente il suicidio. Ha però respinto la richiesta della madre dello studente di trasferirlo in un’altra classe.

Il provveditore agli studi della provincia di Avellino, Rosa Grano, è intervenuto sul caso di bullismo: “E’ un episodio molto grave, l’istituto ha già avviato una indagine interna per verificare quello che è accaduto e prendere i necessari provvedimenti. Il due aprile ci sarà un primo incontro. La vicenda è comunque isolata, non registro altri fatti del genere nelle scuole della provincia. Sarebbero diversi i ragazzi coinvolti, non so ancora quanti”.

Anche il sindaco di Montoro, Mauro Bianchino, intervistato da Ottopagine, si è espresso sulla vicenda. Ha sottolineato l’importanza della scuola come “agenzia formativa” e non deve nascondere il problema. Si deve far chiarezza sulla vicenda, di capire cosa è accaduto ed intervenire in “maniera terapeutica”.

Voi unimamme che ne pensate di questa ennesima storia di bullismo? Non pensate anche voi che manchi la prevenzione?