Video pornografici ottenuti con telecamere nascoste: la denuncia della polizia

Unimamme, oggi vogliamo raccontarvi di un video che sta facendo molto discutere.

Stop Downloadkill: una campagna shock contro le telecamere nascoste

La polizia della Corea del Sud ha diffuso dei filmati molto forti per allertare la popolazione circa il pericolo di telecamere nascoste.

La campagna, che si chiama Stop Download Kill e di cui vi parliamo, è molto particolare perché viene descritta dalla polizia come una sorta di shock terapia.

 

I filmati che sembrano girati da un voyeur, sono ambientati in una camera da letto, in un camerino, e in una toilet.

Alla fine del video però, all’improvviso, compare una giovane donna fantasma che somiglia alla famosa Samara di The Ring. I capelli lunghi, il volto spettrale, una lunga veste bianca, la giovane ha l’effetto di spaventare tutti i voyeur.

Un messaggio della polizia avvisa che le forze dell’ordine stanno monitorando il sito.

In un altro si legge: “potresti essere colui che la sta spingendo al suicidio”. 

La campagna infatti è rivolta a combattere i video voyeristici e i crimini sessuali che sono in aumento di Korea del Sud.

Nelle due settimane in cui la clip del camerino è stata online gli investigatori hanno scoperto che era stata scaricata 26 mila volte.

I crimini riguardanti telecamere nascoste, come si legge sul Mirror, sono saliti da 517 nel 2006 a 7730 nel 2015.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa campagna?

La trovate efficace?

Noi vi lasciamo con un approfondimento sulla tratta degli esseri umani.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta