Home Diventare Mamma La dieta che aiuta a concepire un maschietto secondo la scienza

La dieta che aiuta a concepire un maschietto secondo la scienza

CONDIVIDI

sesso del bambino

A chiunque chiediate come determinare il sesso del vostro nascituro, vi risponderà in modo diverso. Ma cosa ha da dire, in proposito, la scienza?

Concepire un maschio: esiste una dieta?

Uno studio dell’Università inglese di Exeter spiega che ciò che una mamma mangia prima di concepire può influenzare il sesso del bambino.

grafico

La ricerca ha preso in considerazione 740 donne che hanno tenuto un diario di 7 giorni prima della gravidanza. Sono stati analizzate anche le diete delle donne nel primo periodo della gravidanza e nell’ultimo periodo, e messe a confronto con quella precedente il concepimento.

Dalle osservazioni è emerso che esiste una correlazione tra l’alto consumo di potassio e il complessivo apporto di nutrimenti prima del concepimento e il sesso del piccolo. Più le donne avevano assunto energia, proteine e grassi, maggiori le probabilità che concepissero feti maschili (il 56% delle donne che avevano assunto maggiori quantità di energia prima del concepimento hanno avuto maschi rispetto al 45% di quelle che avevano assunto le quantità minori).

Secondo questa ricerca, se desiderate un maschietto dovreste mangiare cibi pieni di potassio e ad alto livello calorico.

Il consumo di cereali a colazione è fortemente associato con le maggiori probabilità di avere un maschietto.

Questa ricerca conferma anche il trend in atto di un numero minore di nascite di maschi nei paesi industrializzati, dovuto al cambiamento di dieta, tra cui prevale sicuramente quello di saltare la colazione.

Come è risaputo, a determinare il sesso del nascituro è il cromosoma portato dallo spermatozoo:

  • se portatore del cromosoma X si avrà una bambina,
  • se portatore di un cromosoma Y si avrà un bambino.

La teoria alla base di questa ricerca è che la dieta della mamma possa influenzare l’equilibrio cellulare, e quindi in base alla dieta e ai minerali apportati si avrà una cernita degli spermatozoi, consentendo o favorendo il passaggio di quelli che portano il cromosoma Y. 

Naturalmente non vi è una garanzia al 100% che il cambiamento nella dieta abbia un impatto sul sesso futuro del piccolo. Magari vale comunque la pena fare un tentativo no?

Unimamme, voi cosa ne pensate dei questa dieta pubblicato in Proceeding of the Royal Society?

Noi vi lasciamo con un approfondimento sul ruolo dei carboidrati per il concepimento.