Affrontiamo molte situazioni stressanti ogni giorno, ma come reagisce allo stress il corpo di una donna incinta? Una ricerca dell’Università del Nuovo Messico ha mostrato come questo possa influenzare la crescita del bambino. La ricerca pubblicata recentemente suggerisce che i bambini sono fisicamente affetti dallo stress delle loro madri durante la gravidanza e in questo modo crescono più lentamente.

Lo stress è nemico della gravidanza

E’ molto importante per noi è capire quali siano le condizioni ideali per crescere un bambino” dice Andreas Berghänel, primo ricercatore.

E’ risaputo da anni che lo stress prenatale può influenzare la crescita dei bambini andando incontro a problemi più avanti nella vita, come obesità, diabete e problemi al cuore. Tuttavia dice Berghänel c’era molta confusione sugli effetti dello stress mentre il bimbo sta ancora sviluppandosi.

Usando 719 studi su 21 specie mammifere, lui e gli altri ricercatori dell’università di Goettingen e del German Primate Center hanno scoperto che lo stress prenatale può influenzare la crescita e che dipende dal tipo di stress.

Gli studiosi hanno capito che lo stress prenatale durante l’inizio di gestazione può portare ad una crescita accelerata, mentre accade il contrario quando lo stress si manifesta a fine gravidanza. I ricercatori dicono che le madri che sviluppano lo stress in questo periodo sono incapaci di investire molta energia nei loro bambini.

E’ importante vedere che questo è ciò che causa lo stress prenatale ma che questo non rimanga stabile nel tempo” dice Berghänel, che sostiene che lo studio può aiutare a capire come mai le ragazze iniziano il loro ciclo mestruale prima nelle zone a basso reddito. Inoltre, i ricercatori dicono che stanno cercando di capire come l’allattamento al seno possa costituire un ruolo nella crescita dei bambini.

E voi unimamme cosa ne pensate? Intanto vi lasciamo con il post che parla di come un maschietto stressi di più la mamma in gravidanza rispetto ad una femmina.