Home Mamma & Co. Accade nel mondo Tatuatore sbaglia a scrivere il nome del figlio: la drastica scelta di...

Tatuatore sbaglia a scrivere il nome del figlio: la drastica scelta di una mamma

CONDIVIDI

Tatuaggio nome figlio

Aveva deciso di farsi tatuare il nome dei suoi due figli sull’avambraccio, ma quando si è resa conto che il tatuatore aveva sbagliato il nome del maschietto, una mamma ha reagito in maniera… drastica!

Una giovane mamma svedese, Johanna Giselhall Sandstrom ha deciso di farsi imprimere per sempre sulla pelle il nome dei suoi due bambini: Nora e Kevin. Immaginate lo shock quando, una volta uscita dallo studio del  di Kyrkhult (Svezia), si è accorta che quest’ultimo aveva sbagliato a scrivere il nome di Kevin, 2 anni.

Il tatuatore sbaglia il nome dei figlio e lei reagisce così

«All’inizio l’ortografia non mi sembrava sbagliata – ha raccontato Johanna  all’Indipendent – Per me, il testo è capovolto quindi non ho notato immediatamente l’errore. Ma mentre eravamo seduti in macchina, mio cugino ha fatto una foto del tatuaggio e me l’ha fatta vedere. Stavo per svenire. Sulla mia pelle c’era scritto Kelvin invece di Kevin, non pensavo fosse vero. Mio cugino rideva, dopo il primo momento di sbigottimento ci siamo chiesti: ma è uno scherzo?».

Come saprà bene chi ha un tatuaggio, una volta fatto non c’è modo di correggerlo se non ricorrendo a un intervento con il laser particolarmente doloroso, e che comunque avrebbe risolto il problema solo nel giro di un anno.

E così mamma Johanna ha deciso di risolvere la cosa diversamente, recandosi all’anagrafe e… cambiando nome al bambino: «Dopo aver pensato un po’, abbiamo deciso di cambiare nome al piccolo e chiamarlo Kelvin. Ora ci piace e non voglio tornare indietro».

Oggi Johanna è in attesa del suo terzo figlio, una femminuccia il cui nome, dopo il parto, si aggiungerà a quello dei fratelli. Ma questa volta la mamma non vuol correre rischi: «Ho intenzione di scrivere il nome della piccola su un pezzo di carta e di farlo controllare al tatuatore migliaia di volte».

E voi Unimamme come avreste reagito al posto suo?