fratellini morti in un incendio

A Messina è stato celebrato il funerale di due fratellini morti in un incendio.

Fratellini morti in un incendio: la loro storia e le iniziative per celebrarli

Messina si è fermata per dare l’ultimo saluto a due fratellini periti in un tragico incendio nella loro abitazione.

A spezzare il cuore, oltre alla perdita delle due giovanissime vite, i piccoli Francesco e Raniero infatti avevano 13 e 10 anni, è il pensiero che il maggiore si sia sacrificato nel tentativo di salvare il fratellino.

A causare l’incendio sarebbe stato un corto circuito nella casa dove dormivano i genitori e 4 figli. Fernando Rizzo, cugino della mamma abitante al piano sopra a quello dei fratellini, ha dichiarato che intorno alle 4 di notte ha sentito bussare con forza alla sua porta.

Era sua cugina col marito e i figli, inseguiti dal fumo e dalle fiamme.

La famiglia è entrata nell’appartamento ed è stato in quel momento che Francesco Filippo, il figlio maggiore della coppia, si è accorto che mancava il fratello minore ed è corso giù dalle scale per cercarlo. Purtroppo però non è mai tornato indietro.

Sempre Rizzo aggiunge che insieme al cugino Gianmaria, padre dei bimbi, ha provato a salvare i fratellini, ma le fiamme e il fumo erano troppo intensi e non facevano vedere nulla.

“Lui ha anche indossato una coperta bagnata cercando di entrare ma poi ha dovuto desistere” ha dichiarato Fernando Rizzo su Il Messaggero.

“Ci siamo quindi rifugiati nella mia abitazione ma il fumo era troppo forte e quindi sono passato dal mio balcone a quello del vicino e qui ho rotto il vetro e ho aiutato a passare dal cornicione i miei cugini e i bimbi, mia moglie e i miei figli per metterli in salvo. Siamo vivi per miracolo ma siamo disperati per i miei nipoti“.

I genitori di Francesco e Raniero sono stati in grado di salvare solo i figli più piccoli: Tancredi di 8 anni e Francesco di 6.

Qualche giorno fa si è celebrato il funerale di questi bambini presso la cappella del collegio di Sant’Ignazio.

Accanto alle 2 bare sono state poste delle magliette di calcio delle squadre preferite dei piccoli, mentre gli amici dei due fratelli hanno indossato magliette con i soprannomi dei 2 bambini: Fito e Rani.

“È stato pagato un prezzo troppo alto” ha dichiarato Monsignor Accolla che ha celebrato il funerale.

“Saltate e giocate tra le nuvole, proteggete da lassù i vostri amati fratellini con la speranza che un bel giorno ci ritroveremo di nuovo tutti e sei. Siete stati l’unica ragione della nostra vita” hanno dichiarato i genitori di Francesco e Raniero.

Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta per accertare le cause esatte dell’incendio e per capire se i soccorsi sono stati tempestivi.

L’assessore regionale Lagalla ha dichiarato di voler avviare l’iter per intitolare la scuola media frequentata dai bambini, la Verona Trento, ai due fratelli Messina.

Inoltre, su internet, è stata avviata una petizione per conferire la Medaglia al Valore Civile a Francesco Filippo per il suo eroico gesto.

Unimamme, cosa ne pensate di questa drammatica vicenda? Firmerete la petizione per riconoscere il bellissimo gesto di questo fratello maggiore?

Noi vi lasciamo con la storia di un pitbull che ha salvato una bimba da un incendio.