bambino caduto dal secondo piano a scuola
fonte: Leggo/ bambino caduto dal secondo piano a scuola

Un bambino di 6 anni è caduto dalle scale, dal secondo piano di una scuola elementare di Milano, ora è gravissimo.

Un bambino di 6 anni questa mattina è precipitato dalle scale in una scuola elementare del capoluogo lombardo.

bambino di prima elementare: grave incidente

Il dramma sarebbe avvenuto alle 9.45 di mattina quando il piccolo è caduto dalla tromba delle scale interne della scuola primaria Giovan Battista Pirelli di via Goffredo da Bussero, in zona Niguarda.

Il bambino è stato subito trasportato in codice rosso al vicino ospedale Niguarda e le sue condizioni sono risultate molto gravi a seguito del trauma cranico riportato nella caduta.

 bambino caduto dal secondo piano a scuola 1
fonte: Leggo/ bambino caduto dal secondo piano a scuola

Stando alle ultime notizie il bambino è stato sottoposto a un’operazione per ridurre la pressione intracranica.

Le forze dell’ordine, accorse sul posto, stanno raccogliendo la testimonianze e, dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che il bambino fosse solo.

Lo studente è precipitato da un’altezza di 10 metri e avrebbe scavalcato la ringhiera o si sarebbe sporto per vedere qualcosa.

Il bimbo è quindi caduto dal secondo piano fino al piano interrato, un volo di 3 piani totali. Sul posto sono arrivate due ambulanze, un’auto medica e i carabinieri.

Ora i carabinieri della compagnia Milano Monforte stanno svolgendo le indagini per capire le esatte dinamiche dell’accaduto e se l’incidente sia avvenuto durante la ricreazione o l’orario scolastico.

LEGGI ANCHE > AUTISTA UBRIACO DELLO SCUOLABUS FUGGE DOPO L’INCIDENTE: AVEVA PRECEDENTI 

Il pm di Milano  Francesco Ciardi in previsione dell’apertura di un fascicolo per lesioni colpose ha disposto accertamenti sulla ringhiera e su altri sistemi antinfortunistici della scuola.

 bambino caduto dal secondo piano a scuola 2
fonte:Il Giorno-Newpress/ scuola primaria Pirelli

Unimamme, noi speriamo che il piccolo possa riprendersi presto.

Ora è in prognosi riservata e non possiamo nemmeno immaginare il gelo dei genitori quando hanno ricevuto la telefonata che non avrebbero mai voluto avere.

Voi eravate a conoscenza di questa vicenda raccontata su Repubblica?